TIGNALE – Frana sul depuratore in galleria e rischia di chiudere

1

Il depuratore dell’alto Garda, installato in una galleria dismessa della gardesana in località Largo dei minatori a Tignale, rischia di chiudere: dopo il crollo della montagna sovrastante nel novembre e nel dicembre scorso, non sono ancora arrivate le autorizzazioni necessarie per la realizzazione dei lavori di messa in sicurezza.

Tignale depuratoreSe le faccende burocratiche non verranno risolte nelle prossime settimane l’impianto, al servizio dei Comuni di Tremosine e Limone, dovrà essere spento: da un lato, infatti, non si riesce a portar fuori dalla galleria i fanghi della depurazione; dall’altro lato non si possono trasportare all’interno della galleria i materiali necessari per avviare i procedimenti di depurazione, con la conseguenza che alto è il rischio che i liquami fognari non trattati finiscano nel lago. L’allarme è stato lanciato da Garda Uno spa, l’ente che gestisce le acque lacustri e che si è occupato della realizzazione del depuratore dell’alto Garda, con un investimento di 6.8 milioni di euro.

Come ha spiegato l’ingegnere Mario Giacomelli, dirigente di settore presso la spa, Garda uno si è subito attivata per trovare una soluzione al problema. Ha spiegato che i tecnici hanno fatto rilievi, prospezioni e hanno predisposto un progetto che prevede la messa in sicurezza della strada provinciale soprastante e il risanamento del ponte d’accesso al depuratore. Il problema è che, dopo aver ottenuto il via libera dalla Comunità Montana, il progetto non ha ancora ottenuto quello del Settore strade della Provincia di Brescia, senza il quale non è possibile intervenire. Giacomelli ha spiegato quindi che, non potendosi trasportare all’esterno i fanghi residui di lavorazione e portar dentro i reagenti necessari a rimuovere il fosforo, si rischia di disattivare il depuratore. I tempi sono strettissimi: l’autonomia è di 15, forse 20 giorni, poi, salvo arrivino le autorizzazioni, l’impianto dovrà essere disattivato.

1 Commento

Comments are closed.