MANTOVA – In archivio con Lea Melandri: emancipazione e liberazione

0

Il femminismo ha percorso strade diverse: un discorso di emancipazione, desiderio di contare, di essere più presenti nei luoghi dove si decide, e questa è sicuramente una delle spinte che si sono evidenziate negli ultimi tempi.

Lea Melandri
Lea Melandri

E un aspetto più radicale, che pretende di interrogare a fondo anche la mancanza di autonomia delle donne nel modo di pensare, di sentire, una mancanza di autonomia che è dovuta semplicemente al fatto che, per vivere o sopravvivere e anche per avere qualche potere, le donne hanno dovuto storicamente fare propri quei modelli: modelli imposti, ma incorporati nella vita delle donne.

Sarà l’Archivio di Stato di Mantova, in collaborazione con “Gruppo 7 – Donne per la pace” e “Le donne degli horti”, ad ospitare un incontro sul tema Percorsi del femminile. Emancipazione e liberazione: una falsa alternativa Paestum e dintorni, che si terrà domani, venerdì 7 giugno 2013,  presso l’Archivio di Stato di Mantova, in via Ardigò 11, dalle ore 16:30 alle ore 19:30.

Presenzierà Lea Melandri, fondatrice dell’Associazione per una Libera Università delle Donne di Milano, che da moltissimo tempo porta il punto di vista della intelligenza e della passione femminista nel mondo, nella politica e nella cultura.

«Sono nata in provincia di Ravenna nel 1941. Dal ’67 vivo a Milano. Ho insegnato alle scuole medie, alle superiori, nei corsi per adulti. Da più di vent’anni tengo corsi presso l’Associazione per una Libera Università delle Donne di Milano, di cui sono tra le fondatrici. Negli stessi anni, con altri insegnanti, psicologi, operatori sociali, ho partecipato agli incontri preparatori del convegno sulla “pratica non autoritaria nella scuola”. Idee in cui credo e che ho raccontato nella rivista “L’erba voglio”. Negli anni ’70 sono nel movimento delle donne. Della ricerca sulla problematica dei sessi, che continua fino ad oggi, sono testimonianza diverse pubblicazioni. Dal 1987 al 1997, ho diretto la rivista “Lapis. Percorsi della riflessione femminile”. Ho scritto diversi libri, l’ultimo è “Amore e violenza. Il fattore molesto della civiltà” (Bollati Boringhieri 2011). Ora scrivo sul settimanale Gli Altri».

Così parla di sè la Melandri, come si legge sulla locandina dell’evento che ora vi lasciamo sbirciare.

6