BAGNOLO MELLA – Un ottimo primo anno per il centro di aggregazione “Insieme”

0

Chiude in positivo il bilancio del centro di aggregazione “Insieme” di Bagnolo. Nato dalla collaborazione tra l’assessorato ai servizi sociali del Comune di Bagnolo Mella, la Cooperativa Arcobaleno ed un gruppo di persone ricche di volontà ed entusiasmo, il centro è stata, in questa prima stagione, un’esperienza del tutto nuova per la comunità bagnolese, che ha però coinvolto un numero sempre cresciente di persone.

sindaco almiciIl programma delle diverse iniziative realizzate settimanalmente dai volontari del centro ha infatti richiamato nella sede della Cooperativa Arcobaleno sempre più partecipanti che, come dice il vero e proprio slogan del centro di aggregazione, hanno potuto aprirsi alla vita: “Lo abbiamo inserito nel nostro programma elettorale ed è stato un progetto che abbiamo fortemente voluto realizzare – spiegano il sindaco Cristina Almici e l’assessore ai servizi sociali Sergio Fioletti – Bagnolo non aveva un centro di aggregazione e noi abbiamo avviato i contatti necessari per raggiungere questo obiettivo che si è dimostrato importante fin dai suoi primi passi lo scorso autunno. Adesso, con l’inizio dell’estate, ci sarà la pausa estiva, ma possiamo già anticipare con motivata soddisfazione che a settembre l’attività riprenderà con la conferme delle iniziative che già stanno riscuotendo tanto consenso e con tante altre sorprese. In tutta sincerità un grazie del tutto speciale spetta ai volontari che hanno gestito questa iniziativa e ai soci della Cooperativa Arcobaleno che si sono dimostrati sensibili e disponibili verso questo progetto. Non a caso fino all’inizio del 2013 hanno messo a disposizione gratuitamente la sede del centro di aggregazione, mentre a partire da gennaio è stato pattuito un semplice contributo del 50% dell’aumento delle bollette di luce e gas. Anche questa attenzione, insieme all’entusiasmo crescente dei volontari e di tutte le persone che hanno seguito il loro impegno, ha reso possibile il prezioso risultato di offrire alla comunità di Bagnolo il centro “INsieme”, un nuovo punto di riferimento per ritrovarsi, stare appunto insieme in amicizia ed allegria e costruire qualcosa di positivo. Grazie dunque a tutti i partecipanti, siamo decisi a dare tutto il sostegno necessario per far proseguire come merita questa bella esperienza”.

In questa prima stagione, iniziata appunto lo scorso autunno e terminata nei giorni scorsi, il centro di aggregazione bagnolese ha riservato un nutrito programma settimanale, dalla tombola e dalle carte del lunedì e del mercoledì ai giochi di società e alle conversazioni sull’attualità del martedì, passando attraverso il ballo (giovedì pomeriggio), il corso di computer (giovedì sera) e le feste e le diverse manifestazioni proposte il venerdì ed il sabato: “All’inizio – raccontano… insieme Angela, Annamaria, Barbara, Roberta, Silvana, Lidia, Renato, William, Claudio e Simone i volontari che con grande passione ed impegno hanno condotto questa prima stagione del centro bagnolese – c’era quasi una sorta di timore. Le diverse attività sono partite seguite da poche persone che avevano innanzitutto la necessità di imparare ad uscire da casa e a stare con gli altri. Poi, piano piano, le cose sono cambiate. Gradualmente le persone sono sempre aumentate (fino a superare il centinaio di presenze) e ben presto l’amicizia e la voglia di stare insieme hanno dato il vero significato di questa proposta che, a questo punto, tornerà sicuramente dopo l’estate. Siamo pronti a riproporre le iniziative che hanno avuto una buona risposta in questo primo anno. Nello stesso tempo, però, siamo pronti ad accogliere suggerimenti e consigli per fare in modo che questo centro diventi sempre più parte attiva della vita della nostra comunità. Siamo grati all’Amministrazione Comunale e alla Cooperativa Arcobaleno per averci permesso di dare il via a questo progetto e siamo decisi tutti insieme a mettere questa bella iniziativa a disposizione di un numero sempre crescente di bagnolesi perché è proprio… insieme che ci si può aprire alla vita e renderla migliore”.