SOIANO – Vivere con soli 3 euro al giorno: il racconto di Damiano Rovizzi

0

Arrivare a fine mese è sempre più dura per chi, fortunatamente, ancora ha un lavoro. Figuriamoci per chi l’ha perso. Eppure c’è chi, nonostante tutto, riesce a non perdere il sorriso. Oggi vi voglio raccontare la strana storia di Damiano Rovizzi, in arte “il nuovo povero”.

poveronuovoRimasto senza lavoro, Damiano decide di rivoluzionare totalmente la sua vita, vivendo senza una fissa dimora con soli tre euro al giorno. L’11 Maggio inizia così la sua bizzarra avventura. Armato solo di qualche spicciolo, un quaderno per annotare gli appunti ed uno smartphone per fotografare, riprendere e postare su facebook e twitter gli eventi clou della giornata, il nuovo povero parte per scoprire il mondo da una prospettiva diversa. Con un budget così limitato i pasti non sono certo luculliani: panini, scatolette di tonno e legumi sono le portate principali.

Ma è la pulizia personale l’aspetto più difficile, oltre al tempo che, a dispetto della stagione, non si rivela magnanimo. Amici occasionali, come il custode del parco che gli offre un posto riparato dove dormire, e cani e gatti in cerca di affetto lo accompagnano nel suo pellegrinaggio. «I miei amici non sanno davvero dove sono – racconta Damiano -spesso mi prende la solitudine e scrivere mi aiuta. Ho spento il mio telefono e ho un numero solo per le emergenze e i miei genitori. Ho un account Twitter (@NuovoPovero) ed un altro facebook con cui mi racconto. È un grosso aiuto, ma non sempre trovo la corrente per ricaricare la batteria del telefono».

Certo, la povertà scelta è ben diversa da quella imposta, se non altro perché la prima riserva sempre un posto dove tornare. Ma è bello pensare che l’avventura di questo ventinovenne, che si preannuncia tutta in salita, possa divenire l’emblema di tutti coloro che non si arrendono, ma vanno avanti a lottare.