SAN FELICE – Le Corbusier in mostra alla Fondazione Cominelli

0

Le Corbusier, nella veste meno conosciuta di pittore, sarà in mostra nelle suggestive stanze settecentesche di Palazzo Cominelli , dal 29 Giugno al 25 Agosto, in una grande esposizione che ne ricostruirà il lungo percorso creativo.

collage-e-inchiostro-su-carta-lecorbusierLe Corbusier, nome d’arte di Charles-Edouard Jeanneret-Gris è tra le figure più influenti della storia dell’Architettura. Membro fondatore dei CIAM (Congressi Internazionali d’Architettura Moderna) amalgamò l’architettura con i bisogni sociali dell’uomo medio, rivelandosi geniale pensatore della realtà del suo tempo. Eppure Le Corbusier iniziò la sua carriera proprio come pittore fondando, insieme a Amedee Ozenfant, il movimento purista, come reazione alle tendenze decorative del Cubismo e come tentativo di creare un’arte chiara, ordinata, fondata sulla purezza delle forme e la loro incidenza formale. Si trattava, in definitiva, della stessa pulizia delle forme che poi avrebbe caratterizzato anche le geometrie primarie della sua progettazione, dove, in nome dell’architettura funzionale alle esigenze di vivibilità dell’uomo e della società urbana, erano negate estetica e decorazione. Non a caso nel 1953 scriveva: “Il fondo della mia ricerca e della mia produzione intellettuale ha il suo segreto nella pratica ininterrotta della pittura … Disegni, quadri, sculture, libri, case e progetti, per quanto mi riguarda personalmente, non sono che una sola e identica manifestazione creatrice”.

E’ proprio a questo lavoro segreto, intimo, paziente ed ostinato che si rivolge questa mostra, la quale ha l’intento di raccontare questo amore continuo, quotidianamente coltivato nel segreto della sua “serra”, alla quale il grande architetto amava abbandonarsi alla ricerca di una sua serenità e identità interiore. L’allestimento, curato da Rosanna Padrini Dolcini e da Federico Sardella, è teso a valorizzare l’unicità dei singoli pezzi, che giungono al pubblico come fossero uno sguardo sulla vita privata di Le Cobusier, al fine di portare allo scoperto le dinamiche del processo creativo dell’artista.