SARNICO – Studenti del Serafino Riva diventano guide artistiche

0

Studenti che giudicano gli studenti, li valutano e premiano.
E’ successo a Sarnico, all’interno delle scuole medie Serafino Riva, nell’ambito del progetto “Giovani nell’arte” promosso dal Consiglio Comunale dei Ragazzi insieme ad alcuni docenti.
L’amministrazione junior ha infatti indetto un bando rivolto agli alunni della scuola affinché studiassero alcune opere della collezione della Pinacoteca Bellini, le analizzassero e le esponessero durante un colloquio vero e proprio.
Una sorta di concorso per formare e valutare guide artistiche, in grado di conoscere e soprattutto raccontare il patrimonio artistico della Pinacoteca, che in fondo altro non è se non il patrimonio culturale del territorio.

Quadri come “Allegoria del Tempo ( le tre età dell’uomo)” del Legnanino, “Prometeo” di Luca Giordano, “Vanitas”, “La fruttivendola” della Scuola olandese hanno ispirato gli oltre 20 studenti che, dopo un lungo e attento lavoro, hanno aderito al progetto presentando davanti al consiglio dei ragazzi la loro lettura artistica.

Per una volta in cattedra, i rappresentanti dell’amministrazione junior hanno valutato le esposizioni, con tanto di giudizio e dura selezione.

Questa sera, venerdì 31 maggio alle ore 20.30 ci sarà proprio la presentazione del progetto e la descrizione delle opere all’interno della pinacoteca.CANVNUYPCAKIT50GCA4GCP44CAC6UBWHCA70ZNFACAECRXDHCA5JPUEQCAU4BVNACAGBNFXBCAS97RJSCA6XY52KCAW66SDKCAYGMWJTCA6UK57HCA7POWW0CASNP18HCA0OZ54SCAEG404H
“L’iniziativa- ha sottolineato la Prof.ssa Elena Valaperta, referente del progetto insieme alla prof.ssa Simona Falconi- è nata all’insegna di due obiettivi principali: il primo è quello di avvicinare i ragazzi ad un linguaggio iconografico diverso da quello a cui sono abituati, il linguaggio dell’arte. I giovani di oggi hanno estrema dimestichezza con il linguaggio visivo tipico dell’era telematica, che è molto veloce e poco introspettivo. Questo progetto ha invece fatto in modo che si soffermassero a riflettere di fronte alle opere e che prendessero contatti con un linguaggio che necessita forzatamente di una pausa, di un’analisi.
Il secondo obiettivo invece è quello di stimolare i ragazzi alla conoscenza del proprio territorio, anche attraverso lo studio e l’analisi delle sue opere artistiche. In fin dei conti, in una zona turistica, è giusto che gli studenti si preparino ed avvicinino ad alcune ipotetiche professioni future, coerenti con la vocazione del territorio”.
L’iniziativa si è svolta all’interno del tavolo dedicato alle politiche giovanili che l’amministrazione comunale di Sarnico promuove da anni: ”Per noi- ha sottolineato il consigliere delegato alle politiche giovanili Mario Bravi- è importante continuare a dare sostegno a progetti che coinvolgano attivamente e in maniera intelligente i ragazzi.
Lo abbiamo fatto quando si trattava di progetti che avvicinassero ai ragazzi allo sport, ma anche alla musica e alla socializzazione, sempre tenendo come punto fermo il rispetto e la vicinanza con il nostro territorio, che è esso stesso fonte di stimoli e risorse per le nuove generazioni.

 “Giovani nell’arte” è un ottimo esempio di come gli stessi ragazzi possano stimolare i loro coetanei ad avvicinarsi al mondo della cultura e dell’arte in particolare, sfruttando una preziosa risorsa di cui disponiamo, la Pinacoteca”.