LONATO – Occorrono nuove misure per la tutela della sicurezza stradale

0

Sul territorio di Lonato del Garda hanno recentemente avuto luogo due incidenti mortali ed altrettante persone hanno perso la vita. Gli scontri sono avvenuti su una delle strade più pericolose del territorio, la provinciale 668, un rettilineo lungo otto chilometri che collega Lonato e Montichiari. Il Comune ha pertanto chiesto alla Provincia e alla Prefettura che la strada sia dotata di ulteriori misuratori di velocità ed autovelox, possibilmente fissi.

E004314Le misure per la tutela della sicurezza stradale riguardano anche un altro punto ad elevato rischio: quello situato all’altezza del bivio per Calcinato e per la frazione di Campagna. La soluzione migliore per porre le zone in piena sicurezza sarebbe quella delle rotatorie e delle controstrade, già testate in altri punti considerati critici. Le rotonde presentano diversi vantaggi, come la riduzione della velocità di percorrenza del tratto dove è posizionata la rotatoria, la diminuzione dei punti di collisione fra i veicoli, la fluidità del traffico grazie alla completa eliminazione dei tempi morti (ad un semaforo col rosso si sta fermi anche se dall’altra parte in quel momento non arriva nessuno) e la possibilità per tutti i mezzi, compreso i pesanti, di invertire il senso di marcia.

Il sindaco Bocchio ha annunciato che è sua intenzione incontrarsi con il primo cittadino di Calcinato Marika Legati per valutare insieme la problematica e poi rivolgersi all’assessorato ai Lavori pubblici della Provincia di Brescia. Tempo addietro erano già stati messi a bilancio dei fondi per realizzare le rotatorie, ma la crisi economica ed il rispetto del patto di stabilità hanno fatto slittare gli interventi.