MONIGA – Kebab indigesto per due rapinatori, lite sui soldi falsi

0

Un episodio degno di un servizio di Moreno Morello, l’inviato “podista” di Striscia, è avvenuto qualche giorno fa in una kebabberia di Moniga.

rapina-kebabIl titolare indiano dell’esercizio, avvicinato da due uomini ben vestiti d’origine camerunese, s’è lasciato convincere ad “investire” parecchie migliaia di euro, circa 8.500, in un’operazione di falsificazione che avrebbe fruttato il triplo della cifra iniziale. Secondo i truffatori, alternando le banconote vere a dei negativi da loro forniti, e immergendo il tutto in una soluzione chimica, si potevano creare dei doppioni del tutto identici agli originali. Ovviamente si trattava solo di un pretesto e, durante le operazioni, uno dei due truffatori ha scambiato i soldi veri con una mazzetta di soldi falsi. L’indiano se n’è accorto ed ha cercato immediatamente di riavere il denaro. Il due camerunensi l’hanno allora aggredito e malmenato, scippandogli le banconote destinate all’ “affare” più quelle contenute in cassa. La vittima però non si è arresa e si è lanciata sull’auto, riuscendo ad aggrapparsi al cofano mentre questa partiva a gran velocità. Il guidatore ha cercato in tutti i modi di levarsi di torno l’intrepida e scomoda presenza umana, facendo brusche manovre con l’auto, ma senza esito.

Quando è stato costretto a fermarsi, di fronte alla chiesa, il kebabbaro è riuscito ad aprire la portiera e tirare fuori il rapinatore dal sedile passeggero, immobilizzandolo. Sono quindi intervenuti i carabinieri che hanno arrestato l’impostore. Il 29enne, già con precedenti penali, si trova ora a Canton Mombello con l’accusa di truffa, rapina in concorso e lesioni. Il complice è riuscito a ripartire e a fuggire con il malloppo.