SALO’ – Il nuovo Resort Travel Charme “Il Giardino” sbarca a Salò

0

La vicinanza ad un monastero, quello della Visitazione, e 6.800 mq destinati all’edificio nell’ultimo PGT rendono scontato il paragone con Maguzzano e la sua celebre Abbazia. Simili all’apparenza, i due casi sono diversi nella sostanza. E’ innegabile che il consumo di suolo pregiato, in una zona delicata come quella delle Versine, non può che destare qualche preoccupazione. Ma le analogie terminano qui. Per fortuna.

area travel charme
Area destinata al Resort “Il Giardino”

Non si tratta del solito complesso residenziale, di cui il Garda è ormai saturo, ma di un Resort a 5 stelle che porterà benefici in termini di lavoro, non solo nel breve ma pure nel lungo periodo, destinato ad una clientela “di prestigio” capace di alimentare le economie locali e condotto da un’azienda solida e seria. Se, al posto della selva di seconda case, per buona parte sfitte e per altrettanta buona parte disabitate per trecento giorni l’anno, si fosse investito in progetti come questo, i Comuni del Garda avrebbero risparmiato parecchio territorio ed investito nel turismo. Si sarebbe ridotto al minimo l’impatto ambientale, sempre da valutare ma troppo spesso non valutato, e dato ossigeno alle numerose attività di una delle zone più belle d’Europa. Non a caso la maggioranza, non solo dei consiglieri comunali ma pure dei cittadini salodiani, s’è espressa favorevolmente alla costruzione, nella piena consapevolezza che la sacrosanta protezione dell’ambiente deve comunque confrontarsi con le necessità della vita sociale ed economica.

Il progetto della Travel Charme prevede una struttura a cinque stelle immersa nella vegetazione, raggiungibile con un sentiero ricavato nella zona boschiva che la circonda. Nello sviluppo dell’edificio grande importanza sarà attribuita all’impiego di materiali naturali ed alla luce, per consentire alla natura di giocare un ruolo di primo piano. Le 97 camere, a fronte di una previsione iniziale di 120, godranno tutte di vista sul lago. La progettazione sarà affidata all’architetto italiano Lorenzo Bellini, interior designer molto conosciuto ed apprezzato all’estero con specializzazione proprio nella costruzione di alberghi e nell’utilizzo dei giochi di luce. Un ruolo chiave sarà poi giocato dall’offerta gastronomica, con predilezione per i prodotti a chilometro zero ed il rispetto della tradizione culinaria locale. Concepito come destinazione di distensione e relax, il Travel Charme Resort il Giardino avrà a disposizione una grande area SPA di 2000 mq ed una sala congressi rimodulabile, all’occorrenza, in sale più piccole.

TC_Foto-2_Giuliano-Guerra_Copyright-Travel-Charme-199x300
Giuliano Guerra, Chief Executive Officer di Travel Charme

“Siamo molto fiduciosi nel nostro progetto di Salò – ha spiegato Giuliano Guerra, Chief Executive Officer della società svizzera – Abbiamo una clientela molto fidelizzata, che ci segue dappertutto e con cui siamo sempre in contatto, abituata ad un determinato standard di servizio. La scelta del posto s’è fondata sul feedback proveniente da un data base composto da oltre 300.000 clienti abituali. Per questo siamo molto contenti d’investire sul lago di Garda.” L’investimento si aggirerà intorno ai 25 milioni di euro, con inizio dei lavori previsto per l’autunno entrante ed apertura del resort nella primavera del 2016.

“S’è trattata di una decisione molto difficile da parte di un’amministrazione che, in quattro anni, non ha concesso un solo metro cubo proprio perché ritiene di dover tutelare questo territorio lacustre già sufficientemente sfruttato da tutti – ha aggiunto il Sindaco Barbara Botti – Quest’intervento però è stato ritenuto, fin dal primo giorno, un intervento da dover fare non solo perché Travel Charme è una società che dà ampie ed idonee garanzie sulla sostenibilità, ma soprattutto perché Salò ha bisogno di quest’operazione. Una città così ambita ed amata ha bisogno di una clientela di questo genere, capace di apprezzare gli aspetti culturali, storici ed enogastronomici del territorio e non legata alla stagione. L’obiettivo è quello di portare Salò in Germania”. E, aggiungiamo, i tedeschi a Salò.