GARGNANO – Vela: una sola regata ma tanti partecipanti alla Gentlemen’s cup

0

50 barche, 220 velisti, ecco i numeri della Gentlemen’s Cup, classica per monotipi che viene proposta ogni anno dal Circolo Vela Gargnano nelle acque dell’alto Garda lombardo, tra Bogliaco e Gargnano. Per molte classi era uno degli ultimi test in vista dei rispettivi campionati europei e nazionali, come per  i Fun, la carena francese che su queste stesse acque correrà il suo Campionato Continentale il prossimo mese di settembre.

In questa flotta nell’unica prova portata a termine, la vittoria è andata all’appassionato team di “Funny Frog-Film Festival del Garda” con lo skipper Paolo Tagliani e il tattico Jack  Turola. Paolino Tagliani (Cvt Maderno) vince anche la classifica timonieri-armatore battendo i fratelli Alberto e Goffredo Azzi di “Wanderfun”(Vc Campione) con terzo Davide Ballarini alla barra del “Funatica” di Angelo Capello (Cvt Maderno). Tra i Dolphin 81, che sempre a Gargnano ad inizio giugno assegneranno il tricolore 2013, si impone il desenzanese Matta Polettini alla barra del “Twister” di Flavio Bocchio (Fv Desenzano) che batte Luca Nassini al Gargnano Velatimone di “Isabò” di Cobelli-Zaffaina (Canottieri Garda Salò), terzo Luca Goffredi di “Ecoval” (Fv Desenzano). Giorgio Zorzi si impone tra gli Ufo 22 con il suo “Blue Moon –Econova” (Club Diavoli Rossi Desenzano). Nell’Asso 99, l’unica flotta a portare a termine due prove, vince “Gradasso” di Pietro Bovolato (Canottieri Intra-lago Maggiore) che precede l’ex gloria della Star olimpica, il veneto Albino Fravezzi porta il suo “Tasso Etilico” , terzo “Lo zio Ke Asso ” di Giovanni Picotti (Fv Peschiera) che regola le dame Elena Reboldi (CV Gargnano) di “Confusione”  e Laura Galbiati di “Assterisco” (CV Gargnano). Dieci righe per descrivere la pattuglia più nutrita che si conferma quella dei Protagonist 7.50. La carena firmata da Gigi Badinelli correrà il tricolore nel golfo di Salò a fine giugno. L’unica prova vede sul gradino più alto del podio la “56 che classe” di Umberto Zerbato (Cv Gargnano) condotta dai fratelli Ferrari, Marco e Francesca, due di una delle tante famiglie della vela lacustre gardesana. I Ferrari battono il campione d’Italia in carica, il gargnanese Pier Omboni di “Bessi Bis”, terzo Leonardo Larcher alla barra di “El Moro” di Luca Pavoni (Canottieri Garda) ed a bordo Daniele Larche, due volte vincitore assoluto della Centomiglia. Buon quarto è Carlo Apostoli di “Antares”, brillante primo dei gentlemen armatori, un posto avanti al “Tè Bambo” dell’altro  salodiano  Fabio Gasparri.  Gli Ufo 22 si presentano con il solito dominatore, il salodiano giorgio Zorzi che conduce il suo “Blu Moon-Econova” che regola Delaini (Vc Campione)  e Granello (FV Desenzano).

Ora il ”maggio tutto in vela” del Circolo Vela Gargnano  propone per la prossima settimana due appuntamenti internazionali, il Campionato Italiano Open di vela accessibile, con una nutrita presenza di timonieri stranieri provenienti da Francia, Svizzera, Ungheria e la Europa Master del singolo olimpico Laser, autentica coppa Europa per i velisti Under 35. l’Open Italian Access Class, seconda edi¬zione del Campionato nazionale delle carene per velisti disabili motori sarà co organizzato dal progetto Hyak Onlus, Circolo Vela Gargnano e Canottieri Garda di Salò. In acqua al largo del porticciolo di Bogliaco ci saranno la flotta 303 con il campione del mondo, l’ungherese Zoltan Pegan e l’interessante barca delle Paralimpiadi “Skud 18″, che presenterà il team azzurro che era a Londra 2012 con Marco Gualandris e Zia Marta Zanetti dell’Avas di Lovere e dell’Alto Adriatico di Monfalcone, freschi vice campioni d’Europa sul lago di Costanza, il navigatore oceanico Andrea Stella, la nuova coppia bresciana composta da Massimo Dighe e Romina Modena delle società sportive delle Fiamme Azzurre e dell’Ans di Sulzano del lago d’Iseo.