MARCHENO – “Oggi come ieri”, si racconta la nascita dei santuari

0

La parrocchia di Marcheno e Cesovo propone per sabato 18 e domenica 19 maggio, alle ore 20,30 al santuario della Madonnina di Marcheno, lo spettacolo “Oggi come ieri 1613-2013″ come rivisitazione multimediale per la nascita dei santuari di Marcheno.

La chiesa parrocchiale di Marcheno
La chiesa parrocchiale di Marcheno

E’ una storia con radici lontane nei secoli, in cui un giornalista inviato da un quotidiano locale per scrivere un articolo sui 400 anni della benedizione del santuario dell’Annunciata di Marcheno scopre e rivive una storia d’altri tempi in cui un suo avo don Bartolomeo Freddi, parroco a Marcheno dal 1746 al 1777, narra nel suo “Liber Bonorum” iI “come, il quando e il perché del sorgere dei due santuari uno prospiciente all’altro.

E’ una storia di coraggio e di fede quella dell’edificazione dei santuari marchenesi, non legata ad apparizioni mariane, ma a “provvide sventure” accadute in quel di Marcheno dal medioevo a oggi. Nella “rivisitazione” degli eventi, al piano giornalistico, si intersecano i piani religiosi catechistici propri del ‘600 in cui si educava il popolo ai misteri mariani tramite le immagini affrescate, in questo caso dal pittore Domenico Voltolini, su tutta la cupola e le pareti del Santuario.

Il piano salvifico iniziato con l’annunciazione di Maria non si ferma al passato, ma viene riletto e reinterpretato dalle giovani generazioni marchenesi con l’utilizzo dei mezzi espressivi multimediali più idonei al linguaggio attuale. Chi parteciperà all’evento del 18 e 19 maggio non può rimanere “spettatore” ma deve, per la scrittura scenica stessa, divenire protagonista attivo nella costruzione di questa magnifica avventura di fede e di coraggio. “Oggi come ieri” è l’augurio per la comunità marchenese di continuare a rivivere anche nel presente, con la sensibilità moderna e i valori fondanti la devozione mariana del passato.