LUMEZZANE – Il Lume saluta Marcolini e vince contro il San Marino

0

LUMEZZANE – SAN MARINO 2-0

RETI: 9’st Baraye, 32′ st Marcolini

LUMEZZANE (4-3-1-2): Vigorito; Carlini, Dametto, Mandelli (44’st Guagnetti), Possenti; Ceppelini, Marcolini (39′ st Giorico) Dadson; Baraye; Inglese (30′ st Torregrossa), Kirilov. (Coletta, Zamparo, Sabatucci, Meola). All: Santini

SAN MARINO (4-3-3): Vivan; Pelagatti (13′ st Ferrari) Galuppo, Fogacci, Mannini; Capellini, Pacciardi, Poletti; Mella (13′ st Del Sole), Coda (38′ st Defendi), Doumbia. (Manzaroli, Farina, Pigini, Chiaretti). All: Acori

ARBITRO: Rossi di Rovigo

ANGOLI: 9-5 per il Lumezzane

RECUPERO: 1′ e 2′

Logo Lume CalcioFesta grande, festa doppia al Comunale: il Lumezzane ha battuto il San Marino centrando la qualificazione alla prossima Tim cup nel giorno in cui il capitano rossoblù, Michele Marcolini, ha dato l’addio al calcio giocato. L’ex Chievo – che ha messo il sigillo alla gara segnando un gol strepitoso con palla all’incrocio – ha salutato con i parenti e gli amici più stretti tutti presenti allo stadio per tributargli il doveroso omaggio. Al quale si sono uniti tutti i compagni di squadra che durante il riscaldamento hanno indossato delle t – shirts bianche con la scritta: “Grazie capitano”. Sul retro c’erano il numero 7 ed il nome di Marcolini. Che lascia in grande stile con 535 presenze e 53 gol segnati tra i professionisti.

Avvio di gara scoppiettante. Con Marcolini alla ricerca del gol: una sua conclusione al 2′ vola vicina alla traversa. Un minuto dopo botta di Dadson sulla quale Vivan si salva in angolo. Tra l’8′ e il 9′ si fa vedere anche il San Marino, ma al 19′ riecco il Lume. Ancora con il capitano, Marcolini, sul cui rasoterra Vivan ripara in angolo. Il portiere del San Marino sale sugli scudi anche al 20′: miracolo su Kirilov. Marcolini è indiavolato, vuole il gol, ma nemmeno il tentativo del 27′ col sinistro va a buon fine. E’ praticamente un tiro al bersaglio della porta del San Marino e il Lume chiude in attacco la prima frazione: al 45′ gol di Baraye annullato per fuorigioco di Dadson.

Il gol partita matura al 9′ della ripresa: azione personale di Kirilov che trova smarcato Baraye sulla destra. Il senegalese supera il suo controllore diretto e infila Vivan. Al 28′ si fanno minacciosi gli ospiti: su Ferrari, Vigorito sventa in angolo. Ma al 32′ ad esplodere è il Comunale: arriva il 2-0 del Lume. Un gol targato Marcolini: siluro all’incrocio dei pali. L’ultima nota di cronaca al 39′ con mister Santini a concedere la passerella finale a Marcolini.

“E’ stato un giorno speciale e confesso che qualche lacrimuccia qua e là mi è scivolata fuori…”. Queste le prime parole da ex giocatore per Michele Marcolini che in Lumezzane – San Marino ha detto addio al calcio giocato. Marcolini lascia il suo numero 7: “Un numero che mi ha accompagnato in una straordinaria avventura. Sono tante le cose ed i momenti che mi passano per la testa, ma ora come ora sono ancora troppo poco lucido per rendermi conto che non sono più un giocatore”.

C’è chi pensa che Marcolini avrebbe potuto dare ancora molto al calcio giocato: “Ma io – sorride l’ex Chievo – sono sempre stato un trascinatore e non avrei mai voluto diventare un…trascinato. Ho preferito lasciare da giocatore integro e ancora in buono stato. Questa domenica mi rimarrà dentro: c’erano i miei amici, c’era la mia famiglia, sono entrato in campo con i miei bambini e in più ho fatto un bel gol. Cosa potrei volere di più?”.

Marcolini potrebbe fare subito il “salto” ed essere il prossimo allenatore del Lumezzane: “Vedremo. Se la società mi desse questa opportunità ne sarei molto felice. Che effetto mi farebbe stare dall’altra parte della barricata ed allenare miei ex compagni di squadra? In fondo, in campo sono sempre stato un rompi scatole, soprattutto con i più giovani…Se fossi l’allenatore – scherza – sarei ancora più autorizzato a romperle…Vedremo”.