EDOLO – Piccoli appartamenti e geriatria nella casa di riposo

0

Il concorso di più fattori ha reso possibile un progetto di notevole valore: un avanzo di amministrazione di circa 48mila euro e la volontà di permutare terreni ed in immobile col Comune hanno consentito alla Fodazione Domenico Giamboni, l’ente che in piazza Nicolini gestisce la casa di soggiorno per anziani, di ottenere un fabbricato nel quale costruire mini appartamenti da destinare a persone non autosufficienti e un centro sanitario di geriatria.

V edoloI membri del consiglio di amministrazione della Fondazione hanno infatti spiegato, tramite la voce del loro presidente Cesare Boninchi, che il bilancio è positivo, che i conti sono a posto. Da qui la possibilità di perseguire nuovi obiettivi: non solo quello summenzionato, ma anche quello di riqualificare le cinque stanze occupate dalle suore comboniane.

Come si legge su Bresciaoggi, il presidente della Fodazione ha dichiarato: “Siamo in trattativa con l’amministrazione comunale e contiamo di concludere l’accordo a breve. Praticamente andremo a cedere alcuni terreni e un immobile frutto di un lascito in cambio della casa ora occupata da don Giuseppe Chiapparini, il sacerdote della chiesa di San Giovanni, cappellano della nostra Rsa e dell’ospedale. Ristrutturando l’edificio contiamo di ricavare spazi in cui ospitare persone autosufficienti e possibilmente uno studio medico geriatrico: un servizio che a Edolo manca”. “L’appello che rivolgiamo agli edolesi è quello di continuare a sostenerci – ha detto Adriana Rodondi, braccio destro del presidente Boninchi -. E l’azione più immediata è sicuramente quella di destinarci il 5 per mille”. Chi lo vorrà fare dovrà indicare nella dichiarazione dei redditi il codice fiscale della Fondazione (81002710176) e la partita Iva (00723650982).