VARANO (PR) – Asimotoshow, domani si parte. Weekend con i motori

0

Inizia domani mattina, venerdì 10 maggio, sul circuito Riccardo Paletti di Varano de’ Melegari in provincia di Parma, la 12esima edizione di Asimotoshow, il grande raduno di moto storiche che coinvolgerà 600 centauri che porteranno oltre 1000 motocicli esposti sul paddock e scenderanno in pista per ben quattro volte, tra venerdì 10 e domenica 12 divisi nelle singole categorie per età.

Il paddock della rassegna
Il paddock della rassegna

L’ingresso sarà libero per il pubblico che potrà visitare le esposizioni di Harley Davidson, Velocette, Bimota, Benelli, Tomos, Perugina, Rudge & Phyton, Gilera, Laverda, Ariel, MV Agusta, Parilla ecc. Importanti i gruppi di moto, tra questi le 30 moto francesi dai primordi al 1970 – il Team Stefan Friedl – I Team dei Sidecar – le moto da corsa dell’Amicale Spirit of Speed. Rievocazione del Circuito del Lario e una mostra di moto e immagini per commemorare Renzo Pasolini e Jarno Saarinen periti 40 anni nel tremendo incidente di Monza, con sfilata di Aermacchi e Yamaha dell’epoca.

Domenica 12 alle 13 la Parata dei Campioni che chiuderà la manifestazioni con in pista 6 Campioni del Mondo Read, Spencer, Lavado, Lucchinelli, Bianchi, Lazzarini e altri 30 campioni titolari di trofei europei e nazionali provenienti da tutta Europa. Anche le donne saranno protagoniste ad Asimotoshow infatti ritorna la parigina Sophie Smith, giornalista e presentatrice televisiva. Sophie che porta a Varano un’originale Seeley G50 ex Woodman. Sophie vanta un fan club anche in Italia. Il nostro Paese sarà rappresentato da Nadia Rossi campionessa nazionale sidecar nel 2004, 2005 e 2007, passeggera del pluricampione europeo Walter Galbiati. Presentazione della nuova Honda CB 1100 erede della CB 750 degli anni ’70.

Insomma, nei tre giorni di Asimotoshow, eventi e spettacolo non mancheranno ma soprattutto regnerà a Varano, in pista e nel paddock, la cordialità l’allegria e la fratellanza che lega i motociclisti. L’Asi è molto impegnata in questa manifestazione, che è una delle più importanti del circuito europeo e che la Federazione organizza direttamente, con la certezza che offrire eventi di questa portata, con la presenza di così tanti motocicli statici e in movimento sia il miglior modo di fare cultura e d’incentivare ulteriormente il desiderio di conservazione dei mezzi storici.