PROVAGLIO ISEO – Corso di letteratura: il tema è la figura dell’eroe

0

Il diritto al sapere, nel nuovo contesto sociale ed economico, cresce fino a diventare diritto alla formazione per tutto l’arco della vita, condizione necessaria sia per la crescita culturale e civile della persona, sia per l’accesso e la permanenza nel mercato del   lavoro. “Formazione ed istruzione sono la base dello sviluppo lungo tutto l’arco della vita”; da qui nasce l’idea che l’acquisizione delle competenze e del sapere non deve essere collegata solo all’occupazione, ma anche alla realizzazione di momenti di integrazione sociale e di sviluppo personale, di valorizzazione di valori comuni, di trasmissione del patrimonio culturale.

CA24R04VCAC162V1CAKEL35ECAY5RF8DCA6M0YTTCA1RBR3XCA09VD3ACA6SA124CAT1OGW9CAAXO0RWCAN7HB1ECA2OPTUNCA1WW9DBCARGW1YLCA05DDMNCANFTDHSCAIAUQEHCANS4R2UE’ in quest’ottica che la Biblioteca Civica “Beppe Fenoglio”  e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Provaglio d’Iseo, prestando grande attenzione all’educazione degli adulti, intervenendo in modo ricorrente per potenziare la formazione di base della popolazione in età attiva e, sulla scorta dell’interesse suscitato dai corsi organizzati negli anni passati, hanno deciso di proporre – a partire dal mese di maggio –  un nuovo percorso di letteratura.

Dal titolo “Eroe sì, Eroe no, Eroe come?”  il corso, suddiviso in quattro incontri serali e affidato al prof. Pagnoni Franco, affronta la figura dell’eroe nella letteratura dell’Occidente. Gli eroi sono qualcosa di cui la gente ha bisogno e sono sempre immortali agli occhi di chi in essi crede; nonostante le  nuove riletture la passione per loro rimane la stessa. E’ proprio per questo motivo che il bisogno di eroi aiuta l’epica a non morire mai.
Il primo incontro in programma mercoledì 8 maggio 2013  sarà un excursus sulla figura dell’eroe in tutta la letteratura.

Mercoledì 15 maggio 2013, secondo appuntamento, l’epica dell’eroe andrà da Gilgamesh – personaggio della mitologia mesopotamica e mitico re dei Sumeri, a Lawrence d’Arabia uno dei capi della rivolta araba di inizio novecento.

Critica e morte dell’eroe, dalla tragedia greca all’Ulisse di Joyce è in programma  il 22 maggio 2013: come nell’Ulisse di Omero anche in quello di Joyce l’eroe rappresenta l’avventura dell’uomo nel mondo. Il protagonista, viaggiando, costruisce la propria identità, arricchendosi delle diversità con cui entra in contatto, senza risultarne distrutto o assorbito. Inoltre, proprio come nell’Odissea omerica, l’opera di Joyce non ha come punto di riferimento esclusivamente la soggettività della poesia, ma la cultura e la storia dell’umanità.

Mercoledì 29 maggio un mito nuovo di eroe o l’eroe imperfetto, secondo Tolkien, Steinbeck, Borges, Wu Ming concluderà il ciclo degli incontri

Gli incontri  si terranno alle ore 20.30 presso la Sala Civica del Comune di Provaglio d’Iseo. Il contributo richiesto per la partecipazione al corso è di 10 euro.