LODI – Social Bond da 5 milioni del Banco di Brescia. Una parte a “No Limits”

0

Il Banco di Brescia annuncia l’emissione di un Social Bond per un ammontare complessivo di 5 milioni di Euro, i cui proventi saranno in parte devoluti a titolo di liberalità all’Associazione Sportiva Dilettantistica “No Limits” Onlus di Lodi. No Limits Onlus è un’associazione sportiva nata nel marzo del 2002, composta da tecnici e dirigenti sportivi, familiari, volontari e tantissimi atleti con disabilità intellettiva che utilizzano lo sport come strumento di crescita, affermazione ed inclusione sociale, secondo i principi, la filosofia e le regole del movimento internazionale Special Olympics Inc.

L’Associazione pratica diverse discipline sportive, nonché attività ludico-motorie e/o di animazione sportiva, con i necessari adattamenti nell’attuazione dei programmi per renderle accessibili ad ogni persona con disabilità intellettiva, qualunque sia la complessità e la gravità dell’handicap. L’Associazione lavora attraverso una struttura tecnica di 25 allenatori ed istruttori qualificati, tutti diplomati ISEF e laureati o laureandi IUMS, con importanti esperienze per quanto riguarda i programmi di attività motoria e sportiva con persone con disabilità intellettiva, con i bambini e con gli anziani. L’Associazione realizzerà peraltro a Lodi, nel giugno 2013, i Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia che costituiranno una grande e gratuita opportunità per rendere evidente a tutti che la persona con disabilità intellettiva, “l’atleta speciale”, può davvero essere una grande risorsa per la Comunità.

Social Bond LodiLo 0,50% dell’ammontare nominale collocato del Social Bond sarà devoluto dal Banco di Brescia a No Limits Onlus a sostegno delle numerose attività sociali che l’Associazione svolge sul territorio per la promozione, la diffusione e l’organizzazione dell’attività motoria e sportiva dilettantistica, compresa l’attività didattica e formativa, rivolta a bambini, adolescenti ed adulti con disabilità sul piano motorio, cognitivo, intellettivo, relazionale e dello sviluppo affettivo, attraverso interventi individuali e di gruppo in cui lo sport diventi occasione di crescita personale e di reale integrazione. Angelo Spelta – Direttore Territoriale Lombardia Sud del Banco di Brescia – dichiara: “Siamo soddisfatti di presentare questo prestito obbligazionario solidale a sostegno di progetti significativi e di elevato interesse sociale, che testimoniano la costante attenzione del nostro Istituto al Territorio.

I Social Bond UBI Comunità costituiscono un’importante innovazione nel panorama degli strumenti finanziari, che registra un notevole apprezzamento tra i risparmiatori, garantendo da un lato l’opportunità agli stessi di ottenere un ritorno sull’investimento effettuato, in linea con i tassi di mercato, e dall’altro consentendo alla Banca di contribuire a sostenere una significativa realtà locale, a concreta testimonianza del nostro ruolo di Banca del Territorio, vicina alle famiglie ed alle aziende”. Alessandra Sanna – Presidente di No Limits Onlus – dichiara: “Siamo orgogliosi del fatto che il Banco di Brescia abbia scelto la nostra Associazione per la prima operazione di finanza solidale a Lodi. Questa iniziativa dimostra concretamente cosa può significare per un’impresa, e per il sistema creditizio in particolare, sviluppare il proprio ruolo di responsabilità sociale. Il social bond ed il suo successo apre nuove strade di collaborazione positiva, e non di conflitto,tra il sistema delle imprese e realtà sociali nella direzione comune di una vera ricostruzione della nostra società e del nostro paese in un periodo difficilissimo come quello che stiamo vivendo.

Grazie a questo social bond e alle risorse che verranno destinate alla nostra associazione sarà possibile rafforzare ed estendere i programmi motori e sportivi Special Olympics per le persone con disabilità intellettiva nel territorio lodigiano”. Conclude Roberto Tonizzo – Direttore Generale del Banco di Brescia: “In questo momento di generale difficoltà, di accresciuta necessità di risorse finanziarie e di contrazione dei fondi pubblici, l’emissione dei Social Bond testimonia il costante impegno della nostra Banca ad interpretare, servire e promuovere lo sviluppo delle economie locali. I Social Bond sono in linea con l’aspettativa di un numero sempre crescente di risparmiatori di coniugare, nelle proprie scelte di investimento, obiettivi individuali e di interesse generale. Nel momento in cui sottoscrive il bond infatti il risparmiatore orienta l’impiego a favore di iniziative meritorie o verso lo sviluppo di imprese che erogano servizi alla persona e alle comunità. Sottoscrivere è quindi una scelta che genera valore sociale.

Peraltro il Progetto Social Bond UBI Comunità si è aggiudicato il Premio ABI per l’innovazione nei servizi bancari – edizione 2013 – nella categoria “La Banca Solidale” – per le sue caratteristiche di concretezza ed efficacia nel generare immediati impatti positivi sul contesto socio-ambientale, concorrendo direttamente a supportare lo sviluppo dell’economia del bene comune, aumentando la coesione sociale”. Le obbligazioni emesse dalla Banca hanno un taglio minimo di sottoscrizione pari a 1.000 Euro e potranno essere sottoscritte dal 10 al 24 maggio 2013, salvo chiusura anticipata. Le obbligazioni a tasso misto, per un ammontare nominale massimo di Euro 5.000.000, hanno durata 3 anni e cedola semestrale; per i primi 2 anni il tasso di interesse sarà fisso, pari al 2,20% lordo annuo, mentre sarà variabile per il terzo anno e sarà preso come parametro di indicizzazione l’Euribor 6 mesi aumentato di uno spread pari allo 0,50%.

L’introduzione dei Social Bond in Italia rientra nella rinnovata strategia commerciale del Gruppo UBI Banca di accompagnamento del Terzo Settore – non profit lungo un percorso di crescita e di innovazione sociale e di sostegno ai progetti ad alto impatto sociale promossi da soggetti pubblici e privati nei territori di riferimento, avviata nell’ultimo trimestre del 2011 attraverso il lancio di UBI Comunità, piattaforma di servizi e di strumenti dedicati alle organizzazioni non profit e alle istituzioni religiose. UBI Comunità è un innovativo modello di servizio che si propone di offrire risposte tempestive ed efficaci alle eterogenee necessità del non profit attraverso prodotti appositamente pensati per dare sostegno bancario e creditizio a fronte della gestione quotidiana dell’attività, alla progettualità ed agli investimenti. Da aprile 2012 ad oggi il Gruppo UBI Banca ha emesso 25 Social Bond UBI Comunità, per un controvalore complessivo di oltre 260 milioni di euro, che hanno reso possibile la devoluzione di contributi a titolo di liberalità per oltre un milione e 300 mila euro volti a sostenere iniziative di interesse sociale. La gran parte di queste obbligazioni è stata sottoscritta con largo anticipo rispetto al termine di chiusura del collocamento, a testimonianza della comunanza di intenti fra il Gruppo e i suoi territori di riferimento.