GARDA (VR) – Musica fino a mezzanotte: Federalberghi cerca l’accordo

0

Botte e risposte, polemiche e dichiarazioni si sono succedute negli ultimi mesi in merito alla disciplina delle attività musicali in pubblici esercizi ed alberghi. Il regolamento, previsto nel Patto per la sicurezza dell’area del lago di Garda, è stato adottato solo da alcuni Comuni gardesani, anche se lo scorso anno tutti i sindaci si erano impegnati ad approvarlo. Conseguenza? Una disciplina difforme, non omogenea, che non è in grado di garantire quella che si suole definire concorrenza leale. La disparità di trattamento non è ben vista soprattutto dagli albergatori e dagli esercenti dei Comuni che hanno adottato il regolamento, i quali si sentono penalizzati per il fatto che i giovani, dopo la mezzanotte, tendono per ovvie ragioni a migrare verso altri Comuni dove la musica continua a suonare.

Garda musicaSul tema è intervenuta Federalberghi Garda Veneto, che ha partecipato all’ultimo incontro tenutosi in Prefettura. In tale occasione ha raccolto le rimostranze dei suoi associati. Il 24 aprile si è poi tenuto a Garda un incontro tra Federalberghi, l’associazione albergatori di Garda e l’amministrazione comunale, incontro nel corso del quale è emersa una certa apertura da parte del Comune di Garda e lascia ben sperare sulla possibilità di arrivare in tempi brevi ad un accordo condiviso.

La richiesta primaria degli albergatori del lago è quella che tutti i Comuni adottino la stessa linea di comportamento, la stessa disciplina: pertanto Federalberghi Garda Veneto mira ad aprire un dialogo con le amministrazioni comunali al fine di superare le divergenze ed arrivare ad una soluzione accettabile e adottabile da tutti.  A tal fine, Federalberghi Garda Veneto e Confcommercio si incontreranno nei prossimi giorni per formulare una proposta concreta da sottoporre ai sindaci dei Comuni e al prefetto, come da sua esplicita richiesta. Il presidente Corrado Bertoncelli si dice fiducioso circa la possibilità di approdare ad una regolamentazione omogenea e condivisa, che sappia ben bilanciare le esigenze del divertimento con quelle di ordine e di sicurezza pubblica.