BRESCIA – Alla Galleria dell’Incisione con i serbi Pajevic e Kapor

0

Presso la Galleria dell’Incisione, è possibile visitare la mostra di due artisti di origine serba, che oggi, da molto anni, lavorano a Roma: Ana Kapor e Vladimir Pajevic.

Vladimir Pajevic, As time goes by, 2012
Vladimir Pajevic, As time goes by, 2012

Vladimir Pajevic, nato a Belgrado, dopo la formazione presso l’Accademia delle Belle Arti della propria città natale, lavora con molte gallerie italiane e svizzere, trasferendosi a Roma nei primi anni ’80. Nelle sue opere raffigura e trasporta l’osservatore in un mondo antico, onirico e metafisico, tramite l’immagine di misteriosi cancelli, antichi edifici abbandonati, ricoperti da una fitta vegetazione che lascia trapelare il fascino di un tempo ormai passato, nel quale però si vede la mano dell’uomo, e che fa inoltre penetrare la mente in un mondo tranquillo e malinconico, assorbendo l’immaginazione di chi lo guarda.

Ana Kapor, Il Tempo Riflesso, 2011
Ana Kapor, Il Tempo Riflesso, 2011

Ana Kapor invece, nata pure lei a Belgrado, si forma all’Accademia delle Belli Arti di Roma e partecipa a numerose collettive in Italia e all’estero. La sua pittura è legata al mondo metafisico di un’architettura paesaggistica ideale, vicina al geometrismo e alla prospettiva del Rinascimento italiano. Grandiosi edifici, monumentali palazzi e castelli sono i protagonisti delle sue rappresentazioni, dove una chiara luce diffusa imprime solennità a quella antiche strutture che ci trasportano in una dimensione visionaria ed arcana. Importante è ricordare che i due artisti, nel 2008, sono stati i protagonisti dell’esposizione antologica al Panorama Museum di Bad Frankenhausen in Germania. La mostra bresciana è aperta fino al 12 maggio.