LAZISE – Catullo in un concorso regionale, ecco i premi

0

Il “Novum Certamen Catullianum” continua a crescere, sia come importanza sia dal punto di vista delle partecipazioni, e a partire dal prossimo anno valicherà i confini provinciali per divenire un concorso di natura regionale.

Lazise CatulloAd annunciarlo sono stati Giovanni Pontara, il dirigente dell’Ufficio scolastico di Verona, e Stefano Quaglia, membro della commissione scientifica del concorso, in occasione delle premiazioni dell’edizione di quest’anno, tenutasi alla Dogana Veneta di Lazise. Il tema di quest’anno, “le contraddizioni dell’amore”, prevedeva l’interpretazione di 4 carmi di Catullo, tra cui il famossissimo “Odi et amo”. Sono stati sei gli studenti premiati ed al primo posto si è classificata Silvia Zenati del liceo classico Scipione Maffei di Verona, seguita da Roberta Bogoni del Guarino Veronese di San Bonifacio, da Alessandra Faccini del Giovanni Cotta di Legnano ex aequo con Lorenzo Spoletti del liceo Agli Angeli di Verona. Al quinto posto Sara La Serra del Maffei e a un altro studente degli Angeli, Enrico Della Volpe.

Ai primi tre classificati, oltre alla medaglia e al diploma, è stata assegnata anche una borsa di studio offerta dal Comune di Lazise, da otto anni promotore dell’iniziativa in collaborazione con il Centrum Latinitatis Europae, l’Associazione italiana di cultura classica, la Provincia di Verona e al liceo Carlo Montanari.  In occasione delle premiazioni, Agostino Carattoni, il vicesindaco e assessore alla cultura di Lazise, ha sottolineato come l’amministrazione abbia sempre creduto nell’importanza del concorso, giunto all’ottava edizione.