RODENGO SAIANO – Rotary Club e Comune: tre incontri per gli anziani

0

Dalla stretta collaborazione che si è instaurata tra il Rotary Club Rodengo Abbazia e il Comune di Rodengo Saiano hanno preso forma tre incontri destinati in modo particolare agli anziani.

Il ciclo verrà aperto giovedì 9 maggio alle ore 18 da “Essere anziani: una stagione della vita da valorizzare”.

Comune RodengoLa relatrice della serata, che si terrà bella sede dell’Avis di via Brescia (naturalmente con ingresso libero), sarà la psicologa Enza Sutera. Martedì 14 maggio, stesso luogo e stessa ora, il tema sarà invece “Quale salute nell’anziano”, altro argomento di particolare interesse che verrà approfondito dal dottor Antonio Caobelli, medico cardiologo.

Il terzo incontro della serie, infine, si terrà giovedì 16 maggio, ancora alle 18 nella sede dell’Avis di via Brescia, e vedrà la partecipazione del notaio Luigi Grasso Biondi, che risponderà in un vero e proprio colloquio diretto con i presenti a domande di attualità e di interesse diffuso (soprattutto in periodi come quello che stiamo attraversando).

Il tutto per un’iniziativa che vuole offrire informazioni e un aiuto concreto ad una fascia d’età troppo spesso trascurata e non valorizzata a dovere come quella degli anziani.

Un motivo di soddisfazione per i componenti del Rotary Club Rodengo Abbazia del presidente Nino Sutera, ma anche un’iniziativa nella quale crede fermamente il Comune di Rodengo Saiano come confermano insieme il sindaco Giuseppe Andreoli e l’assessore ai servizi sociali Arturo Albertini: “Gli anziani rappresentano una risorsa che viene sottovalutata in modo davvero superficiale.

Un concetto che spesso viene ripetuto, ma che, purtroppo, stenta ad entrare nella nostra vita di tutti i giorni.

L’intento di questi tre incontri, appunto, vuole essere quello di offrire agli anziani una serie di consigli (sia sul piano di un bene da tutelare al massimo come la salute che in campo pratico) che possono rivelarsi molto utili, valorizzando al tempo stesso una parte della nostra comunità che può e deve trasmettere ancora tanto agli altri”.