PADENGHE – Inaugurata la mostra “I quadri d’autore” di Davide Pinardi

0

E’ stata inaugurata, Sabato 20 Aprile alle ore 17, la mostra “I quadri d’autore di Davide Pinardi”, alla presenza del Sindaco di Padenghe Patrizia Avanzini, dell’assessore alla cultura Luisella Girardi e del Dirigente Scolastico Mario Fraccaro.

autoritratto pinardi
Autoritratto

I numerosi partecipanti hanno potuto ammirare le opere pittoriche realizzate da uno studente autistico veramente speciale, Davide Pinardi, artista che attraverso la pittura ripercorre la storia dell’arte con la realizzazione di opere pittoriche che reinterpretano gli artisti del passato sino ad oltrepassarli. A scoprire l’interesse del ragazzo per il disegno è stata la sua insegnante di sostegno, Monica Tortella, che ha contribuito a realizzare un progetto d’inclusione grazie al quale lo studente riesce ad esprimersi in modo diverso e a trasmettere messaggi sempre nuovi ai suoi interlocutori. Arte e disabilità si tengono per mano, in un percorso innovativo di inclusione, dal grande spessore umano ed artistico. La pittura diventa così il canale privilegiato d’espressione di un’interiorità affascinante e complessa, che attraverso le tinte, i cromatismi e i colori vivaci dei dipinti viene alla luce, rivelando tutta la sua bellezza.

L’esempio di Davide, che frequenta la V linguistico presso il Liceo Don Milani di Montichiari, è stato seguito con ottimi risultati anche da altri studenti. Tra le diverse espressioni artistiche finora prodotte¸ è interessante citare l’opera “Io e gli altri”, che ha preso forma con il contributo operativo delle compagne di classe Elisa Cagliari, Elena Madella, Paola Gallina e Saria Yaye. Manuele Marini, un altro suo compagno di scuola, ha voluto provare ad esprimersi attraverso le ruote della sua sedia a rotelle. Su due fogli collocati sul pavimento, ha lasciato la propria impronta, con una tecnica che gradatamente si è perfezionata. Anche due sue compagne, Giulia Macario e Barbara Tonesi, hanno provato a lasciare le loro impronte, questa volta con i piedi, alla scoperta di sensazioni diverse e divertenti. La risultante delle diverse sperimentazioni è un’opera denominata “dialogo tra impronte”,  impronte che autenticamente rendono la “diversità” “un’opera d’arte”, in tutte le sue diverse manifestazioni di esistenza.

Con il suo “segno”, quindi, Davide riesce non solo dialogare con gli altri, ma anche a fare in modo che gli altri, a loro volta, siano stimolati a manifestarsi all’esterno.

Per chi volesse visitare la mostra, s’informa che questa resterà aperta fino al 26 aprile 2013, secondo gli orari di apertura del Comune.