RODENGO SAIANO – Festa della Liberazione: le iniziative a Rodengo

0

Anche quest’anno il Comune di Rodengo Saiano vuole distinguersi per la precisa volontà di celebrare la ricorrenza del 25 aprile con una serie di iniziative particolarmente numerose.

Manifestazioni che, a dire il vero, sono pronte a coinvolgere diverse giornate, a partire  da venerdì 19 sino a prevedere il momento saliente proprio in concomitanza con quella che, non  a caso, lo stesso sindaco Giuseppe Andreoli ha definito “una data senza tempo, che anche oggi, pur a distanza di tanti anni, può e deve trasmettere a noi ed in particolar modo alle nuove generazioni valori ed ideali che non devono rimanere chiusi semplicemente nelle pagine dei libri di storia”.

Proprio prendendo spunto da questa convinzione le iniziative in programma a Rodengo Saiano sono state dedicate a persone di tutte le età, dai giovani agli adulti per finire con le persone un po’ avanti negli anni. Il primo appuntamento in ordine di tempo sarà l’omaggio che i sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil, Anpi, Aned e Fiamme Verdi sono pronti a tributare la mattina di venerdì 19 aprile agli atti di eroismo che si sono svolti nei nostri paesi.CAD4BRPDCAXYKHYRCAJJLCONCA15X3ZZCATHT6P6CAYYGNU6CA0MS4LMCAI90RFGCAI3AKB1CA52E2RQCAJMSZQJCAI1WSMWCAJP821PCA8SLUFBCA7RDXN3CAQJEO7WCAEQUCUSCA8VZBVC

Una riflessione sulla Resistenza e sulla guerra che comincerà a Villa Fenaroli con la deposizione della corona sui luoghi della Resistenza e proseguirà poi all’Auditorium S. Salvatore con un convegno dedicato a “Democrazia e cittadinanza” durante il quale interverrano, tra gli altri, il sindaco di Rodengo Saiano, Giuseppe Andreoli, il segretario generale della Fnp-Cisl, Alfonso Rossini, Rolando Anni dell’Archivio Storico della Resistenza Bresciana ed Alessandra Del Barba di “Officina Memoria”.

La  “Fiaccolata della Liberazione” è in programma per oggi, martedì 23 aprile, che l’Amministrazione Comunale di Rodengo Saiano organizza in collaborazione con l’Anpi Provinciale, l’ANPI zona Brescia Ovest, le Fiamme Verdi e il Comune di Ome. Il corteo partirà alle 20.30 dal frantoio, l’ex cascina Damiani, e si dirigerà verso un luogo simbolo della Liberazione come Villa Fenaroli. La sera seguente, sempre a partire dalle 20.30, l’Auditorium S. Salvatore ospiterà lo spettacolo teatrale di Emanuele Turelli dedicato a Nelson Mandela.

 Un approfondimento portato avanti con grande sensibilità dedicato ad un tema sempre coinvolgente come l’apartheid.

 Il clou delle manifestazioni, infine, è in programma per giovedì 25 aprile. Una giornata più che intensa, che prenderà il via già alle 10 con la S. Messa al campo di Corneto a Villa Fenaroli e proseguirà subito dopo con il discorso commemorativo del professor Roberto Tagliani, al quale interverranno gli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria “Ai caduti”, e la deposizione di una corona al cippo ricordo.
 Alle 11.30 partirà il corteo che raggiungerà il monumento ai Caduti di tutte le guerre, dove deposta una corona mentre altre due verranno collocate rispettivamente al monumento della Piazza Martiri di Cefalonia – Corfù e al Cimitero Comunale. Nel pomeriggio, infine, alle 15 il Comune e la sezione di Rodengo Saiano dell’Anpi inviteranno l’intera comunità a ritrovarsi al Frantoio per partecipare ad una passeggiata fino al cippo dei Martiri sul Monte di Corneto per ricordare e far conoscere gli avvenimenti e i luoghi della storia. Il tutto per un programma intenso e molto vario, unito dall’unico, grande filo conduttore di porre al centro dell’attenzione (anche per una società come quella attuale che troppo spesso appare “distratta”) valori come la libertà, il sacrificio, la difesa dei più deboli, l’amore per la propria patria e tutti quegli ideali hanno portato alla grande festa della Liberazione il 25 aprile del 1945, quando è iniziata una nuova fase della storia che spetta a noi ed alle future generazioni rendere sempre migliore, senza ricadere nei tragici errori del passato.