APRICA – Deiezioni di cani disperse in natura

0

Da qualche anno i proprietari di cani si sono dati ai sacchetti colorati. Infatti, molti, finalmente, raccattano le deiezioni delle loro amate bestiole e in pochi le buttano nei cassonetti o a casa loro dove più amerebbero ammirarle ed annusarle – si legge in una nota diffusa da un cittadino aprichese – bensì le spargono in natura: a valle dei marciapiedi, sui rami degli alberi a lato delle strade, nelle proprietà più o meno curate dei malcapitati vicini, nelle scarpate e nei letti dei ruscelli. Ottengono così il lusinghiero risultato di far, come minimo, apprezzare a tutti quelli che passano per gli stessi luoghi i variopinti colori degli allegri sacchetti; come massimo di farli frullare coi decespugliatori o altri mezzi di sfalcio e assaporare a chi ancora prova a pulire porzioni dell’Italia sozza e incolta. Di quell’Italia fichetta e deodorata di certi menatori di cani e di altri lercioni profumati che nemmeno si accorgono di camminare in mezzo al proprio sporco che a breve li sommergerà.