SAN FELICE – Epidemia del 2009: risarcimenti per 114 mila euro

0

Nel 2009 una terribile epidemia aveva colpito oltre 2000 persone a causa della contaminazione dell’acquedotto pubblico.

San felice epidemiaIl processo, che ha visto sul banco degli imputati la società che gestisce il sistema idrico gardesano Garda Uno spa, si è concluso, nel febbraio scorso, con una sentenza dei condanna del direttore generale della società. Il collegio giudicante, presieduto dal giudice Anna Di Martino, ha condannato anche due dirigenti al risarcimento del danno nei confronti delle vittime costituitesi parte civile, in tutto 13 tra enti pubblici, Federconsumatori, aziende e privati cittadini per un importo totale di 114.200 euro, comprensivi delle spese legali sostenute.

Si tratta di risarcimenti provvisionali, dunque non definitivi, dal momento che per questi ultimi si terrà un giudizio separato di natura civilistica. I giudici hanno riconosciuto alle parti civili non solo il diritto a vedere risarcito il danno subito, ma anche quello di ottenere il rimborso delle spese legali sostenute.

Il presidente di Federconsumatori Adriano Papa ha spiegato che la vicenda è stata particolarmente grave perché oltre a colpire la popolazione ha leso l’immagine turistica della riviera gardesana.