SARNICO – “Vivere il Cane”: Laica porterà l’iniziativa anche a Sarnico

0

Il  progetto “Vivere il cane” ideato dall’associazione LAICA di Erbusco arriva anche a Sarnico.

Si tratta di un’iniziativa patrocinata dal Comune di Sarnico in collaborazione con la Polisportiva al fine di promuovere una corretta educazione nei confronti dei propri amici a quattro zampe e anche una buona dose di senso civico per favorire una maggiore intesa tra cane, proprietario e società.

Il progetto, patrocinato dal Comune di Sarnico e organizzato con la collaborazione di Associazione vita da Cani 2006 e Lancin Dog, è articolato in diverse fasi: in primis una serata divulgativa gratuita nella quale si tratterà temi quali l’etologia del cane, la differenza tra educare e addestrare, i problemi quotidiani, i consigli alimentari e anche le normative che regolano la gestione dei propri amici animali. Alla fine della conferenza sarà inoltre possibile porre ai relatori, membri dell’associazione LAICA, le proprie domande. L’incontro si terrà il prossimo imagesCAP6F4PV16 Aprile alle ore 20.30 presso l’Auditorium del Comune di Sarnico ad entrata libera.

Gli organizzatori inoltre propongono a tutti gli interessati un approfondimento pratico di 2 lezioni di gruppo, in calendario nelle giornate di sabato 20 e domenica 21 aprile, tenute da educatori cinofili qualificati, al prezzo agevolato di 40 Euro per partecipante (da prenotare in sede di conferenza o prima della stessa). Il ricavato dell’iniziativa, detratte le spese organizzative, servirà a sostenere i progetti della Laica che consistono nel recupero di cani e gatti abbondati, nelle sterilizzazioni degli animali, nella raccolta cibo e anche nel dare ospitalità agli amici a quattro zampe rimasti senza padroni.

Il progetto ha già fatto tappa nel comune bresciano di Rovato e, dopo la nostra cittadina, si sposterà anche a Cortefranca e Paratico.

Si tratta dell’ennesimo progetto sposato dal Comune di Sarnico a favore degli animali, dopo essersi occupato in primis della sterilizzazione di numerose colonie di gatti e dopo aver risolto alcuni casi di abbandono di animali a quattro zampe.