DESENZANO – ‘La Dolce Vita’ chiude dopo 2 settimane: colpa del Suap

0

Il nuovo locale aperto il 22 marzo da Puccio Gallo nell’antica Corte Marchetto, all’interno del complesso a lato della tangenziale, vicino allo svincolo per Centenaro, ha avuto vita breve, e per nulla dolce, a discapito del nome.

Desenzano dolce vitaIl locale ‘La Dolce Vita’ è già chiuso: ad affossarlo è stata un’ordinanza dello Sportello unico per le attività produttive del Comune, pubblicata sul sito istituzionale del municipio  e firmata dal dirigente dell’area Servizi al territorio Mario Spagnoli. Il provvedimento è imperniato su un verbale della pulizia municipale nel quale si evidenzia che la natura agricola degli immobili, che impone lo svolgimento di attività agrituristiche, non è stata rispettata giacché nel locale è stato accertato lo svolgimento di attività di discoteca, con tanto di musica diffusa in diretta radiofonica ad una emittente locale.

Dal verbale emergono poi ulteriori criticità dal punti di vista della viabilità in quanto le strade che danno accesso al locale hanno registrato disagi, con ripercussioni, e quindi code, sulla tangenziale.

Col verbale è stata quindi contestata la destinazione del locale perché chi intende svolgere attività di discoteca deve essere in possesso di un apposito titolo abilitativo, titolo del quale Puccio Gallo era sprovvisto. Conseguenza: l’immediata cessazione dell’attività. Un tegola sul locale ma anche sulla testa del proprietario, che ha spiegato che suo intento non era quello di aprire una discoteca, bensì quello di offrire, nelle serate del venerdì, una cena accompagnata da intrattenimento, con accompagnamento musicale. Ha poi precisato che nel locale non c’è alcuna pista da ballo.