VALCAMONICA – Viabilità: adeguamento del tratto della SS42

0

Lo scorso mercoledì 10 aprile, a seguito dell’invito dell’assessore ai Lavori Pubblici della Provincia di Brescia, si sono incontrati presso la sede dell’assessorato i seguenti amministratori l’assessore ai Lavori Pubblici della Provincia di Brescia, Sig.ra Mariateresa Vivaldini, il consigliere provinciale, Sig. Pier Luigi Mottinelli, il consigliere provinciale, Sig. Ruggero Marchioni, il consigliere provinciale, Sig. Donina Giuseppe, il presidente della Comunità Montana di Valle Camonica, sig. Corrado Tomasi,  l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Berzo Demo, sig. Battista Ramponi, il sindaco del Comune di Edolo, sig. Vittorio Marniga, e il sindaco del Comune di Malonno, Sig. Stefano Gelmi.

V ss42
Un tratto della SS42

Un incontro tra i vertici provinciali ed i Comuni interessati per ridefinire le sorti della statale SS42, per individuare un tracciato condiviso finalizzato alla stesura preliminare del progetto del tratto successivo alla variante fra Berzo Demo ed Edolo. Dopo numerosi incontri interlocutori, l’ultimo dei quali si è tenuto a Cedegolo lo scorso 6 febbraio in occasione dell’apertura al traffico di un nuovo tratto della variante alla strada statale SS42 “del Tonale e della Mendola” fra Ceto e Berzo Demo, sembra che si sia approdati ad un punto di arrivo.

La SS42 si configura come una statale di vetusta costruzione che a causa dell’aumento del volume di traffico, dovuto alla costante progressiva urbanizzazione, all’aumento dell’attività economica e all’incremento del movimento turistico, ha manifestato criticità nel sostenere elevati volumi di traffico, in particolare nel centro abitato di Edolo, in corrispondenza dell’intersezione fra la SS42 “del Tonale e della Mendola”, che prosegue verso Ponte di Legno e il Passo del Tonale, e la SS 39 “del passo dell’Aprica”.

V Vivaldini
Mariateresa Vivaldini, l’assessore ai Lavori Pubblici della Provincia di Brescia

È per tale motivo che tutti i soggetti presenti hanno concordato nell’individuare nella risoluzione dell’attraversamento di Edolo in direzione Ponte di Legno mediante deviante esterna ad est dell’abitato quasi interamente in galleria a partire da Sonico, la scelta prioritaria per la soluzione di un problema di traffico e di vivibilità dell’intero nucleo abitato. Altra priorità riguarda poi il tratto a sud dell’abitato di Edolo, verso la SS39 “del passo dell’Aprica” fino alla nuova galleria per Cortenedolo. Per lo studio della tratta da Berzo Demo a Edolo, si è concordato di procedere ad un nuovo accordo fra gli Enti per poter approfondire l’opportunità di proseguire la variante in galleria a partire da quella recentemente aperta al pubblico in località Forno Allione, dando così una continuità al tratto fino ad ora realizzato. Verranno studiate le possibili soluzioni in alternativa alla riqualificazione e all’adeguamento in sede fino ad ora analizzati, ponendo l’attenzione soprattutto nel superamento del centro abitato di Malonno.

La scelta dovrà essere presa tenendo in debita considerazione anche l’analisi dei costi e dei benefici in modo da garantire un equilibrato rapporto fra gli oneri tecnico-costruttivi e quelli per un migliore inserimento paesaggistico-ambientale. L’assessore Vivaldini commenta: “Apprezzo che tutti i sindaci abbiano ritenuta prioritaria la variante est di Edolo, criticità già da tempo individuata dalla Provincia di Brescia. Ora possiamo procedere alla consegna del progetto preliminare ad ANAS per permettere l’inserimento di questo stralcio nel proprio piano finanziario. Auspichiamo che ANAS non lasci la valle e continui a lavorare per migliorare la viabilità della Val Camonica. La Provincia di Brescia si impegnerà altresì a portare avanti la convenzione per risolvere anche le criticità degli altri Comuni (Berzo Demo e Malonno, ndr.) che non sono stati interessati dai primi due stralci”.