BRESCIA – Domenica suoneranno 1000 chitarre in Piazza Loggia

0

La data è definitiva: domenica 7 aprile, alle 15.30, anche in caso di pioggia, in Piazza Loggia a Brescia andranno in scena le “1000 chitarre in piazza”.

L’evento, organizzato in un primo momento il 17 marzo, è stato spostato causa maltempo, ma questa volta Isaia Mori e Antonio D’Alessandro, coadiuvati da Cristian Delai, attraverso un divertente video pubblicato su Youtube spiegano come suonare la chitarra con l’ombrello, se si ha poi un accompagnatore tanto meglio: oltre a “tenere l’ombrello” fungerà anche da leggio per sostenere lo spartito sul quale sono riportate le 3 canzoni che i “mille” suoneranno insieme: “Gianna” di Rino Gaetano, “La canzone del sole” di Lucio Battisti e “La Bamba”.

downloadIn caso di bel tempo la calciatrice Cristina Bresciani nell’arco di tempo dedicato all’organizzazione poco prima dell’inizio dell’evento, tenterà di riuscire nell’impresa di eseguire 1000 palleggi, gli ultimi 10 dovrebbero coincidere con il “conto alla rovescia” per il via all’esecuzione collettiva delle canzoni.
Supporter dell’evento, oltre l’emittenti radiofoniche locali, Radio Number One, che asseconderà gli organizzatori intenti nell’impresa di riunire mille e più chitarristi.

“1000 chitarre in piazza” nasce da un’idea di Isaia Mori, noto musicista bresciano leader delle band Isaia & l’Orchestra di Radio Clochard, il quale coinvolge Antonio D’Alessandro e Cristian Delai. Per la riuscita dell’evento hanno giocato un’importante ruolo le Associazioni “Diffusione Arte”, casa editrice bresciana che si distingue sul territorio per progetti destinati a giovani artisti emergenti, il circolo ANSPI Giovanni Paolo Maggini e PalcoGiovani. L’Amministrazione Comunale, con i patrocini dell’Assessorato alle Politiche Giovanili e Alla Cultura, e con il contributo della Fondazione ASM è stato reso possibile organizzare un’evento in pieno centro storico dove mille e più appassionati chitarristi s’incontreranno per suonare insieme le tre canzoni scelte dagli organizzatori.