VILLA CARCINA – “Banche, un ladro in casa”: spettacolo di “Proposta ’13”

0

Sabato 6 aprile la “Proposta ’13” porta in scena una serata di impegno civile con uno spettacolo di Bebo Storti e Fabrizio Coniglio che coniuga il teatro d’inchiesta e la commedia. Il titolo del lavoro “Banche, un ladro in casa”, in programma nell’auditorium della scuola media “Olivelli” di Villa Carcina in via Roma (inizio alle ore 21, ingresso 5 euro) prende spunto da una frase che una signora di 78 anni si è sentita dire dal direttore della propria banca, quando è andata a lamentarsi per come le avessero volatilizzato i risparmi.

Storti e Coniglio banca ladro“Signora non c’è più niente da fare, ci metta una pietra sopra… come se un ladro le fosse entrato in casa”. Paragone perfetto davanti a un dramma vissuto purtroppo da migliaia di cittadini che nelle banche hanno riposto fiducia e denaro. Dopo anni di lavoro e sacrifici, parecchie famiglie hanno seguito idee e suggerimenti del proprio istituto bancario per investimenti apparentemente vantaggiosi e sicuri ritrovandosi invece proprietari di obbligazioni spazzatura e senza valore, da quelle della Parmalat e Lehman fino alla Cirio.

In brevissimo tempo, liquidazioni e risparmi di una vita di operai, pensionati e piccoli artigiani si disintegrano nel nulla. E come nel peggior incubo kafkiano, quando si ritorna in banca allarmati – avendo saputo dalla televisione dei crack finanziari che hanno coinvolto i gruppi e le imprese in cui erano stati indirizzati i risparmi – il promotore finanziario che aveva suggerito quell’investimento non c’è più, sparito anche lui nel nulla. Un viaggio dentro le famiglie truffate, dentro le strategie di un sistema bancario che non conosce più regole, che ha distrutto migliaia di risparmiatori e che vive solo per arricchire se stesso.

Storie vere, che magari fanno anche ridere per la loro assurdità, ma ci immergono in uno scenario avvilente. Tutte le vicende narrate sono documentate da atti processuali. Perché parlarne? Conoscere le strategie delle truffe messe a punto dalle banche è un modo per capire fino a che punto si sta spingendo il demone del profitto senza etica. In questo racconto che alterna toni comici ad altri grotteschi, gli interpreti fanno emergere con dolorosa ironia un crudo ma tragicamente reale teatrino degli orrori.