GARDONE – Il Trofeo Aido salta un turno, ma il 2013 è pieno di eventi

0

Per quest’anno niente Trofeo Aido, la competizione di auto storiche con finalità benefiche che da quindici anni si svolge in provincia di Brescia con la partenza da Gardone e l’arrivo a Sarezzo. Dalla cadenza annuale che fin qui ha avuto, diventa biennale e tornerà quindi a settembre del 2014. Un cambio di strategia dovuto soprattutto alla crisi economica, come sostiene l’associazione che si occupa di promuovere il culto della donazione di organi e tessuti a favore di chi ha bisogno.

Aido iniziative“Ognuno di voi negli ultimi 15 anni ha fatto un pezzo di strada al nostro fianco – si legge nella lettera diffusa dal presidente dell’associazione sportiva Monica Giovanelli, Dino Brunori.- Solo grazie al vostro generoso contributo abbiamo potuto destinare somme di una certa entità a iniziative benefiche e di solidarietà concretizzate all’ospedale di Gardone. La crisi economica odierna, a cui si sommano i problemi di ricambio generazionale, ci impone di riflettere con serietà su quale può essere il futuro della nostra e vostra manifestazione che vive grazie alla vostra partecipazione”. In ogni caso, si conferma il sostegno da parte dell’associazione verso l’ospedale triumplino anche per il 2013.

Accanto al trofeo di auto storiche, però, c’è una lunga rassegna di iniziative a livello provinciale promossa dal presidente Lino Lovo in occasione dei quarant’anni di fondazione dell’Aido, nata nel 1973. Tra gli eventi, dal 20 al 27 aprile saranno distribuiti a 50 mila famiglie della provincia i volantini per incentivare la pratica della donazione e domenica 28 aprile la cerimonia di commemorazione nella Chiesa di San Faustino a Brescia. L’11 maggio, in occasione della Giornata nazionale del donatore, ci sarà un incontro tecnico con i rianimatori degli ospedale bresciani per parlare di problemi e difficoltà connesse al tema.

Dal 16 al 19 maggio l’associazione parteciperà come ente anche alla storica corsa 1000 Miglia e, rimanendo nell’ambito sportivo, il 24 e 26 maggio anche alle tappe finali del Giro d’Italia che vedrà l’arrivo proprio a Brescia. Poi un contatto con i giovani, quindi a luglio in piazza Loggia a Brescia per un concerto benefico, due incontri pubblici sulla donazione in ottobre, la Giornata provinciale del Donatore e la consegna del Premio Medaglia d’Oro dell’Aido l’1 dicembre.

LETTERA DELL’AIDO

PROGRAMMA DEL 2013