BRESCIA – Cinque arresti e due denunce per droga, furti e violenze

0

Ieri, mercoledì 3 aprile, i carabinieri di Brescia hanno arrestato cinque persone e ne hanno denunciate due a piede libero. Per quanto riguarda i controlli sul territorio disposti per contrastare lo spaccio di droga, a Manerbio è stato fermato un italiano di 29 anni, residente, già noto alle forze dell’ordine. I militari, durante l’attività investigativa e di osservazione vicino a un bar del luogo, lo hanno bloccato dopo aver ceduto due dosi di cocaina ad alcuni giovani, trovandolo in possesso di altre cinque dosi. La perquisizione a casa ha permesso di trovare e sequestrare diverso materiale utile per confezionare, sostanze da taglio e 380 euro ritenuti provento dell’attività illecita.

Manette normalA Desenzano del Garda,  i carabinieri del NORM hanno arrestato un’italiana di 64 anni, residente a Muscoline, già nota alle forze dell’ordine, per detenzione e spaccio. L’hanno bloccata dopo un pedinamento vicino al casello autostradale Brescia Est, dove nella sua auto hanno trovato nascosti nelle intercapedini 12 grammi di cocaina divisa in 16 involucri di cellophane. La perquisizione della casa ha permesso di trovare altri 100 grammi, già divisi in 95 involucri, nascosti nella spalliera del letto e 8.000 euro in contanti ritenuta provento dell’attività illecita.

Per quanto riguarda i servizi di controllo sul territorio, a Concesio, su richiesta degli addetti alla vigilanza dell’“Auchan”, è stato fermato un marocchino di 34 anni, senza fissa dimora, mentre si allontanava dal supermercato dopo aver eluso il sistema antitaccheggio e aver rubato due magliette indossandole e  quattro tende di arredo che nascondeva in una borsa. A Erbusco i militari sono intervenuti a “Le Porte Franche”, su richiesta del direttore del “Pittarello”, per arrestare un rumeno di 26 anni, residente a Lodi, già noto alle forze dell’ordine che aveva rubato due paia di scarpe nascondendole nei pantaloni. L’uomo ha tentato di allontanarsi dal negozio ma il sistema antitaccheggio ha segnalato il furto ed è stato bloccato dai militari intervenuti.

La refurtiva del valore di 150 euro è stata restituita. A Pontevico è stato arrestato un italiano di 65 anni, residente, già ai domiciliari, perché condannato definitivamente a due anni e sei mesi di carcere per truffa e ricettazione, commessi a Cremona e Dello tra il 2006 e 2009. Infine, i carabinieri di Manerbio dopo l’attività investigativa avviata il 29 marzo scorso, hanno denunciato a piede libero due minori per lesioni e ingiurie ai danni di un giovane invalido. I militari hanno accertato che i due minorenni, nel corso di una lite nel “Luna Park”, avrebbero prima offeso e poi colpito la vittima con schiaffi e calci provocandogli lesioni ed escoriazioni al volto.