LUMEZZANE – Scorie tombate alla Rivadossi. L’ok di Comune e Prefetto

0

Una bella sorpresa nell’uovo di Pasqua giunge direttamente dalla Prefettura di Brescia con un comunicato ufficiale nel quale si informa sulla conclusione della fase emergenziale relativa alla messa in sicurezza del materiale radioattivo all’interno del deposito costruito dalla ditta “Rivadossi” di Lumezzane Premiano. Cessato allarme, quindi.

Cesio 137Come si ricorderà, il 25 ottobre del 2008 la stessa ditta di Premiano aveva comunicato all’Asl e all’Arpa di Brescia che le scorie di lavorazione inviate ad una ditta tedesca erano risultate positive ai controlli radiometrici e, di conseguenza, la stessa aveva fermato gli impianti per consentire la bonifica dello stabilimento. Accertato che non sussisteva alcun pericolo per la salute dei lavoratori, si attivò da subito l’unità di crisi e l’istituzione di un gruppo tecnico composto dai Vigili del Fuoco, Asl, Arpa, Asl, Comune di Lumezzane e Ispra (Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale) di Roma.

Con la presenza costante di un nucleo dei Vigili del Fuoco sono state bonificate le parti contaminate degli impianti e, contemporaneamte, fu realizzato, nei pressi dello stabilimento, un bunker all’interno del quale depositare il materiale radioattivo rientrato dalla Germania. Le operazioni di stoccaggio sono state lunghe e laboriose e si sono concluse adottando tutte le misure necessarie a detenere in sicurezza il materiale fino a completo decadimento della radioattività.

Il sopralluogo ispettivo avvenuto lo scorso 22 marzo ha verificato la messa in sicurezza di quanto custodito nel bunker. “Caso” chiuso, dunque, con grande soddisfazione da parte del Prefetto Brasseco Pace e del sindaco di Lumezzane Silverio Vivenzi che esprimono apprezzamento per la conclusione della fase di emergenza e sottolineano soddisfazione per l’impegno della stessa azienda che, con proprie risorse, si è impegnata nelle procedure di messa in sicurezza cosi come, entrambi, ringraziano il gruppo di lavoro per la collaborazione e i controlli espletati in questi anni.