BRESCIA – Regolamento Ue su tutele dei passeggeri

0

Dal 21 marzo 2013, in Europa, anche chi viaggia in autobus avrà diritto a rimborsi (in caso di ritardi che superano le 2 ore, la cancellazione del viaggio o overbooking) e assistenza gratuita (in caso di ritardo oltre i 90 minuti), come per i passeggeri di treni e aerei.

Entra in vigore, infatti, un nuovo regolamento europeo (n. 181/2011) che per la prima volta introduce diritti anche per i passeggeri di autobus, imponendo una serie di obblighi alle società di trasporto e ai gestori delle stazioni che avranno più responsabilità nei confronti dei passeggeri. “È un regolamento dovuto nei confronti dei nostri clienti che viaggiano in bus, perché tutela i loro interessi premiando anche le nostre aziende che investono in efficienza e qualità, afferma Walter Lunardon, Presidente di Confartigianato Auto-bus Operator. È anche vero che bisogna tutelare le nostre aziende quando non riescono a dare servizi di qualità per colpa di infrastrutture inefficienti, per avverse condizioni meteorologiche, di traffico e in tutti gli altri casi di disservizi non imputabili ai vettori”.

Pertanto, in occasione delle riunioni previste nell’autunno 2013 la Commissione europea organizzerà con le autorità nazionali e i rappresentanti di Autobus-operator che saranno in prima linea per contribuire fattivamente all’attuazione della normativa sui diritti dei passeggeri nel trasporto effettuato con autobus.