MONTICHIARI – Brescia e Verona per il “sistema aeroportuale del Garda”

0

Dare vita ad un sistema aeroportuale del Garda, è questo lo scopo della Catullo, società che gestisce l’aeroporto di Verona e che ora ha ottenuto la gestione di quello di Montichiari. L’idea principale della società sarebbe quella di lavorare sulla specializzazione e sulla complementarietà, concentrando a Verona il traffico passeggeri, e a Brescia quello merci.

aeroporto montichiariDurante una conferenza tenutasi a Verona, Paolo Arena, presidente della Catullo ha parlato in questi termini del progetto : “Viene legittimato uno scalo di valore internazionale e con questa concessione è nato il terzo sistema aeroportuale d’Italia dopo Milano e Roma”. Positive e incoraggianti sono state anche le parole degli altri azionisti, a partire da Alessandro Bianchi, presidente della Camera di Commercio di Verona (azionista di riferimento col 27,72%) che ha affermato : “è stato raggiunto un punto fermo per guardare al futuro ed ora bisogna fare una grande riflessione per vedere come andare, dove andare e con chi andare”. “Adesso si possono sbloccare tanti investimenti con ricadute su settori importanti della nostra economia, a cominciare da turismo e dall’utenza business – ha detto Giovanni Miozzi, presidente della Provincia di Verona (terzo azionista con il 14,7%) – con Montichiari abbiamo la pista più lunga del Nord Italia, ideale per i cargo”.

L’obbiettivo è quindi quello di puntare, fin da subito sul dare a Montichiari un’ importanza maggiore per quanto riguarda il trasporto merci, infatti entro il 2020 è previsto un incremento da 40mila a 84mila tonnellate di merci trasportate. Un aumento che potrebbe addirittura raggiungere le 150mila tonnellate. Al riguardo, l’assessore della Provincia di Brescia Giorgio Bontempi ha sottolineato pure una “probabile crescita dei posti di lavoro”.