BRESCIA – Altre operazioni dei carabinieri: quattro arresti e denunce

0

Ieri, domenica 24 marzo, i carabinieri di Brescia hanno arrestato quattro persone e ne hanno denunciate altrettante a piede libero. A Corte Franca, su richiesta degli addetti alla vigilanza dell’“Esselunga”, sono stati fermati due albanesi di 23 e 24 anni, entrambi regolari, uno residente a Iseo e l’altro a Sale Marasino, denunciandone a piede libero un terzo, non ancora maggiorenne, per aver rubato cosmetici per un valore complessivo di 350 euro. A Rezzato i carabinieri, allertati dai dipendenti del “C6”, hanno arrestato un marocchino di 29 anni e un albanese di 22 anni, entrambi con regolare permesso di soggiorno, e residenti a Mazzano, mentre si allontanavano dal negozio dopo aver rubato un paio di scarpe da uomo del valore di 140 euro.

L'operazione condotta a Pisogne
L’operazione condotta a Pisogne

A Chiari, invece, durante un servizio di controllo del territorio, sono stati denunciati in stato di libertà tre albanesi, regolari, due di 32 anni e uno di 37, rispettivamente residenti a Castelcovati, Chiari e Comezzano Cizzago, per ricettazione. I militari, insospettiti da due auto ferme vicino all’isola ecologica, hanno controllato gli occupanti. La perquisizione estesa a entrambi i mezzi ha permesso di trovare quattro taniche con 120 litri di gasolio delle quali gli stranieri non hanno saputo giustificarne la provenienza. Sono in corso le indagini per accertare da dove sia stato rubato il carburante. Per quanto riguarda i controlli sul territorio disposti per contrastare lo spaccio degli stupefacenti, a Brescia, in via Mazzuchelli, i carabinieri di San Faustino hanno arrestato un senegalese di 57 anni, clandestino, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Lo straniero, in compagnia del figlio infante, è stato sorpreso da un appuntato dell’Arma in borghese mentre cedeva una dose di cocaina (pari a un grammo di stupefacente) a un acquirente. Chiesto, in supporto, l’intervento di un  equipaggio dell’Arma, lo spacciatore, pur di garantirsi la fuga, non ha esitato ad abbandonare il proprio figlio, venendo comunque bloccato e tratto in arresto. L’acquirente è stato segnalato alla Prefettura.

A Pisogne è stata arrestata una ragazza di 24 anni, residente, per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, denunciando in stato di libertà altri due ragazzi del luogo di 23 anni, per lo stesso reato, e una ragazza sempre di 23 anni residente ad Artogne, per essersi rifiutata di sottoporsi al controllo sull’uso di sostanze. I carabinieri, durante un normale servizio di controllo, ha fermato l’auto su cui viaggiavano i quattro ragazzi e insospettiti dal lancio di un oggetto dal finestrino, poi rivelatosi uno spinello, hanno controllato. Tre di loro sono stati trovati in possesso di 24,5 grammi di marijuana e 2,10 grammi di hashish, addirittura uno nascondeva un bilancino di precisione. Sono stati anche sequestrati 250 euro ritenuti provento dell’attività illecita. Gli sviluppi investigativi dopo le perquisizioni domiciliari hanno permesso di ritrovare, nella casa della 24enne di Pisogne, altri 540 grammi di hashish, suddivisi in panetti, nascosti in due custodie per videocassette e in una scatola di un telefono cellulare. Alla conducente del veicolo è stata ritirata la patente e sequestrato il mezzo.

A Palazzolo i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà un marocchino di 20 anni, residente e regolare, per detenzione di sostanze stupefacenti. I militari, insospettiti dalla presenza dello straniero che si sposta a piedi, l’hanno controllato trovando 8 grammi di hashish suddivisi in dosi confezionate con involucri di cellophane termosaldati. Infine, a Collio è stato denunciato a piede libero un italiano di 42 anni, residente, per detenzione di stupefacenti, di munizioni uso caccia e attrezzi da scasso. Dopo un controllo di un esercizio pubblico da parte dei carabinieri, il soggetto ha tentato di allontanarsi insospettendo i militari che dopo il controllo, esteso al veicolo parcheggiato a poca distanza, hanno trovato una dose di cocaina, pari a 0,5 grammi, quattro cartucce cal. 12, una mazza da carpentiere, un martello, una pinza, una tenaglia, alcuni cacciaviti, chiavi inglesi e punte per trapano.