BRESCIA – Quattro arresti e tre denunce per droga, violenze e altri reati

0

Ieri, sabato 23 marzo, i carabinieri di Brescia hanno arrestato quattro persone e ne hanno denunciate altre tre a piede libero. Per quanto riguarda i controlli sul territorio disposti per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti, a Gottolengo è stato arrestato un italiano di 32 anni del posto, incensurato, per detenzione ai fini di spaccio di droga. L’arresto è avvenuto dopo una mirata attività investigativa e di servizi dì osservazione e pedinamento culminati nel ritrovamento di 10 grammi di hashish, nascosti nella tasca dei pantaloni della persona, mentre dalla perquisizione estesa alla sua casa sono stati trovati altri 120 grammi di hashish, 60 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento, in sintesi un’offerta differenziata di stupefacente.

Carabinieri VTA Rovato, in collaborazione con il personale del Nucleo Operativo e Radiomobile di Chiari, sono stati fermati due marocchini di 26 e 32 anni, residenti, per violenza sessuale e lesioni personali verso una ragazza residente nel mantovano, ma domiciliata a Brescia. La vittima, conoscendo uno dei due stranieri, aveva accettato di trascorrere la serata a Rovato e dopo aver consumato alcune bevande alcoliche con lui e altri tre connazionali, è stata portata nel parco pubblico cittadino dove ha subito la violenza di uno dei quattro mentre un secondo straniero, poi, nel tentativo di abusarne anche lui, e visto l’energica opposizione della donna l’ha picchiata. La malcapitata, trasportata all’ospedale di Chiari, è stata dimessa con una prognosi di 15 giorni per trauma contusivo alla testa, all’articolazione temporale-mandibolare e al rachide dorsale.

A Cividate Camuno i carabinieri di Breno hanno arrestato un’italiana di 28 anni, pregiudicata, originaria del pavese, ma di fatto ospite in una comunità terapeutica locale, perché condannata definitivamente a dieci giorni di reclusione, da espiare ai domiciliari nella comunità, per furto aggravato commesso a Pavia nel 2011. A Dello, i carabinieri durante un servizio di controllo del territorio, hanno denunciato in stato di libertà due gemelli di origine calabrese, di 41 anni, pregiudicati, dimoranti rispettivamente a Soncino (Cr) e Villachiara (Bs), per possesso ingiustificato di grimaldelli. I militari, insospettiti dalla presenza di un furgone fermo sul ciglio di una strada, l’hanno controllato. L’ispezione estesa al mezzo ha permesso di trovare diversi arnesi e utensili da scasso. Sempre a Dello, i carabinieri di Verolanuova, durante un servizio notturno, hanno controllato il conducente di un’auto, un giovane di anni 19, domiciliato a Manerbio, incensurato. L’ispezione estesa al mezzo ha permesso di trovare, nascosti nel bagagliaio, un proiettile 9×21 parabellum e un coltello a serramanico di grosse dimensioni. Il giovane è stato denunciato in stato di libertà per possesso ingiustificato di munizionamento e oggetti atti a offendere.

Infine, si segnala che a Saviore dell’Adamello, il pronto intervento dei carabinieri di Cedegolo, intervenuti dopo una lite in famiglia, ha permesso di bloccare un tentativo di suicidio di una donna del posto, di 45 anni, sofferente da anni di alcolismo e soggetta a crisi depressive, che, dopo aver impugnato un coltello da cucina, cercava di tagliarsi le vene. La donna è stata bloccata e disarmata riportando solo lievi abrasioni.