AOSTA – Workshop sulla Piattaforma tecnologica alpina, tutti gli interventi

0

Una base cartografica comune tra le regioni alpine e il monitoraggio dei flussi veicolari in zone con copertura satellitare discontinua: questi sono stati i temi affrontati nel workshop di mercoledì 13 marzo scorso a Quart nell’ambito del progetto “Piattaforma tecnologica alpina (Pta)” di cui la Regione Lombardia è capofila.

PtaNell’ambito dell’azione 6 hanno preso la parola Luca Grimaldi di Ersaf, Antonio Taddeo per il Canton Ticino e Ivan Allevi di Allix: è stato dimostrato che il sistema di precisione messo a punto per il rilevamento di flussi di mobilità ha risvolti pratici di grande interesse, legati alla possibilità di monitorare una flotta di veicoli in logica open source.

Si tratta di un sistema sperimentato su un ampio numero di veicoli, tra i quali i mezzi del Corpo Forestale valdostano – presenti in sala alcuni rappresentanti – e alcune flotte di mezzi privati adibiti al trasporto dei rifiuti destinati al recupero e circolanti tra il nord Italia e il nord Europa. Di particolare interesse – è stata la volta di Taddeo – è la possibilità di tracciare i mezzi anche in galleria, dove il Gps non puo’ arrivare.

Introducendo la base cartografica comune tra le regioni alpine e il monitoraggio dei flussi Webgis dell’azione 5 Giancarlo Rasia della Valle d’Aosta ha voluto rimarcare l’importanza della creazione, da parte delle regioni coinvolte nel progetto, di cinque geoportali diversi non statici con la conseguente costruzione di una banca dati federata per arrivare a un’architettura condivisa da tutti i partner. Gli interventi sono stati di Silvana Griffa per il Piemonte, Ivo Planoetscher per la Provincia Autonoma di Bolzano, Sandro Denicolà del Canton Ticino e Piera Belotti della Lombardia. Guarda il resoconto del convegno sul Tg3 Valle d’Aosta dal 4′ 25”.

SCARICA TUTTI GLI INTERVENTI