CASTEL MELLA – Musica e solidarietà a favore dell’Ail di Brescia

0

Il primo appuntamento con la musica e la solidarietà a favore dell’Ail è fissato per venerdì 15 marzo all’Auditorium “Giorgio Gaber” di Castel Mella.

castel mella,L’iniziativa è il frutto concreto della collaborazione che si è instaurata tra i Comuni di Castel Mella, Roncadelle e Torbole Casaglia e punta a coinvolgere il maggior numero possibile di persone in questo impegno destinato a sostenere una realtà benemerita come la sezione di Brescia dell’Ail.Il programma verrà aperto venerdì 15 marzo alle ore 21 dall’esibizione di Sergio Lorandi, “Inner Spaces”, mentre il secondo appuntamento, previsto per sabato 23 marzo alle ore 20.30, proporrà una serata dedicata a Giuseppe Verdi e vedrà protagonista, sempre sul palco dell’Auditorium di Castel Mella, il Coro Lirico Bresciano intitolato proprio al grande compositore italiano. In entrambi i casi l’entrata sarà ad offerta libera, offerte che verranno devolute interamente e direttamente alla sezione bresciana dell’Ail così da trasmettere un contributo concreto nella fondamentale lotta che porta avanti a difesa della salute e contro la malattia.

“Abbiamo deciso – spiega l’assessore alla cultura e al tempo libero di Castel Mella, Paolo Bossoni – di unire i nostri sforzi soprattutto per sensibilizzare il maggio numero di persone sull’importanza di quello che fa l’Ail. Siamo convinti che lanciando questo messaggio nello stesso tempo da Castel Mella, Roncadelle e Torbole Casaglia potremo dargli la giusta risonanza. E’ per dare a questo nostro progetto la massima concretezza che invitiamo il maggior numero possibile di persone a partecipare a questi due eventi. Senza dubbio avranno modo di apprezzare le serate proposte e, soprattutto, potranno dare il loro sostegno personale all’attività dell’Ail. Invitiamo dunque tutti coloro che abitano nei nostri tre Comuni, ma la nostra speranza è che anche tante altre persone che risiedono altrove decidano di dare il loro apporto a questa iniziativa che vuole far vincere la generosità e combattere la malattia”.