CALCIO – Sconfitto dal Fersina, il Montichiari vuole ripartire

0

Non riesce il desiderato passo in avanti verso la certezza della salvezza ad un Montichiari costretto ancora una volta a fare i conti con diverse assenze. Alla fine, proprio all’ultimo sussulto, la spunta la voglia di vincere dei trentini del Fersina, che compiono un prezioso balzo in avanti, lasciando a mani vuote la squadra rossoblù, che pure nel corso dei 90’ è stata quella che ha creato il maggior numero di occasioni. 

Guidati dall’ex monteclarense Tobanelli e con il portiere bresciano Chimini in giornata di grazia,  i locali sono così riusciti a resistere agli affondi della compagine del presidente Viola, trovando a 5’ dal termine il varco che ha fatto la differenza, offrendo a Panizza la sospirata palla da tre punti.Nonostante le numerose indisponibilità, il Montichiari dimostra sin dai primi minuti la sua ottima organizzazione,rendersi insidioso con gli spunti conclusi da Lorenzi e da Fornito, ma Chimini e la retroguardia trentina si fanno trovare pronti.Il Fersina Perginese ci prova con le conclusioni di Mammetti e Donati, ma Viola è attento e controlla la situazione senza particolari problemi. Ben più difficile sul fronte opposto il compito di Chimini, che deve dare il meglio delle sue doti per neutralizzare i tentativi del guizzante Zagari, dell’avanzato Andriani e della coppia offensiva Lorenzi- Fornito.  La situazione, comunque, non cambia sino all’intervallo e le due contendenti affidano ogni decisione alla ripresa.

 

L'allenatore del Montichiari Marco Torresani
L’allenatore del Montichiari Marco Torresani

Il secondo tempo si apre co nuna sventola dalla distanza di Pancheri, ma sono ancora i rossoblù a farsi preferire per le manovre disegnate sul pesante campo trentino.La squadra di Mister Torresani insiste, ma non riesce a raccogliere i frutti per gli sforzi profusi e con ilpassare dei minuti, complici le condizioni non perfette di alcuni giocatori, finisce per rallentare il ritmo. Di questa situazione ne approfitta il Fersina che non solo sembra in grado di condurre in porto un risultato positivo, ma si spinge a sua volta in avanti per vedere di fare bottino pieno. Operazione che riesce proprio al 40’, quando il pareggio pare l’epilogo ormai definitivo. I padroni di casa riescono a trovare un varco sulla fascia destra. La sfera giunge così a Panizza, che trafigge inesorabilmente Viola infliggendo un durissimo colpo agli ospiti. Il tempo a disposizione, infatti, non consente ai rossoblù di recuperare per lo meno il pur meritato risultato positivo e in pieno recupero l’ultimo spunto di Fornito si stampa sulla traversa. Un segnale in più per una sconfitta amara e da cancellare in fretta, magari già nel turno infrasettimanale di mercoledì al Menti con il Caravaggio, un avversario di valore per una partita che deve vedere la squadra rossoblù riprendere il suo cammino verso la salvezza.

Un ostacolo non indifferente in questa direzione per la formazione allenata da Marco Torresani è legato alle numerose assenze con le quali lo stesso tecnico monteclarense è costretto a fare i conti: tra infortuni e squalifiche il Mister di origini cremonesi si vede obbligato a cambiare il volto del Montichiari quasi tutte le domeniche, dovendosi affidare in questo modo a soluzioni dettate dall’emergenza che impediscono alla formazione rossoblù trovare continuità in campo. Il discorso vale anche per l’imminente sfida con il quotato Caravaggio, una squadra dall’organico ricco di nomi e di qualità, che molti all’inizio del Campionato inserivano tra le principali candidate alla  vittoria finale: I bergamaschi di Roberto Crotti, invece, non sono riusciti a percorrere un tragitto così ambizioso, ma rappresentano in ogni caso un ostacolo di assoluta caratura. E’ per questo che Catalano e compagni devono tornare a mettere in mostra il loro volto migliore contro un avversario senza dubbio ostico, ma che può rappresentare per loro il lasciapassare verso la salvezza.