AOSTA – Trasporti in montagna con mappa techno. Si parla a convegno

0

Una base cartografica comune tra le regioni alpine e il monitoraggio dei flussi veicolari in zone con copertura satellitare discontinua: saranno questi i temi principali del workshop organizzato il 13 marzo a Quart nell’ambito del progetto “Piattaforma tecnologica alpina” (Pta). Il progetto Pta – ne dà notizia l’agenzia Ansa – ha come obiettivo principale quello di abbattere le barriere tecnologiche e informatiche tra le regioni alpine, mettendole in condizione di migliorare i meccanismi di condivisione e scambio dati. Il workshop, che prenderà il via alle 10 nella sala del vivaio forestale in località Olleyes, si concentrerà in particolare su due filoni del progetto.

PtaNell’ambito dell’azione 5 saranno illustrati i problemi causati da una cartografia non omogenea tra le diverse regioni, per poi illustrare come questa impasse sia stata superata con la realizzazione di una base cartografica federata e condivisa. In merito all’azione 6 sarà trattato il sistema di precisione messo a punto per il rilevamento di flussi di mobilità e dei suoi risvolti pratici di grande interesse, legati alla possibilità di monitorare una flotta di veicoli in logica open source. Si tratta di un sistema sperimentato su un ampio numero di veicoli, tra i quali i mezzi del Corpo Forestale valdostano e alcune flotte di mezzi privati adibiti al trasporto dei rifiuti destinati al recupero e circolanti tra il nord Italia e il nord Europa.

Monitorando la posizione dei mezzi è possibile controllare il materiale trasportato e ottimizzare il loro dislocamento, riducendo i costi di spostamento, con un vantaggio anche per l’ambiente. Di particolare interesse è la possibilità di tracciare i mezzi anche in galleria, dove il Gps non può arrivare. Il progetto Pta è finanziato con fondi dell’Unione Europea (Fesr) e statali, nell’ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007/13, con il coordinamento dell’Ufficio di rappresentanza a Bruxelles – Cooperazione territoriale della Presidenza della Regione. La Direzione sistemi informativi della Presidenza della Regione autonoma Valle d’Aosta è partner del progetto per una quota pari a 200 mila euro. Gli altri partner sono la Regione Lombardia, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Canton Ticino (Svizzera) ed Ersaf Lombardia.