BRESCIA – Massetti presidente di Confartigianato Lombardia

0

Eugenio Massetti è il nuovo presidente di Confartigianato Lombardia. Subentra, in una linea di continuità, a Giorgio Merletti, nominato nel dicembre scorso presidente

Eugenio Massetti
Eugenio Massetti

nazionale. Massetti guiderà l’organizzazione più rappresentativa dell’artigianato italiano e lombardo con le sue 100.000 imprese, 14 organizzazioni territoriali a cui fanno capo oltre 150 sedi e 1.400 addetti.

A stabilirlo è stato oggi, venerdì 8 marzo, con voto unanime, il consiglio direttivo composto dai presidenti delle Confartigianato territoriali, in rappresentanza delle aziende artigiane lombarde associate. Eugenio Massetti, presidente di Confartigianato Imprese Unione di Brescia dal 2009, durante la presidenza regionale di Giorgio Merletti ha ricoperto l’incarico di vicepresidente con delega al credito e dal dicembre 2012 è membro della giunta esecutiva nazionale di Confartigianato.

«Ci impegniamo in continuità con il grande lavoro svolto da Merletti negli ultimi sette anni, con lo scopo di portare a termine quell’impegno nelle linee guida approvate dal precedente congresso regionale e dalla conferenza organizzativa del 2010. Naturalmente premia anche il lavoro svolto in Confartigianato Lombardia negli ultimi anni – ha dichiarato Eugenio Massetti – . Ho sempre creduto che il sistema di unità e condivisione che anima Confartigianato Lombardia rappresenti il miglior modello di sviluppo consociativo possibile, fatto di forti associazioni territoriali che hanno deciso con convinzione di stare insieme e crescere insieme, per il bene delle imprese».

«C’è bisogno di sinergia e in Confartigianato, l’unione ha sempre fatto la forza. C’è necessità, oggi più che in passato, oltre che di rimboccarsi le maniche, di lavorare insieme con gli stessi obiettivi. Convinti che a Roma, oggi possiamo contare sull’autorevolezza del presidente nazionale. Il modello lombardo sarà ascoltato e ci sarà quella reciproca collaborazione. In questa difficile fase della nostra economia – conclude Massetti – serve uno sforzo eccezionale per costruire un contesto favorevole alle potenzialità imprenditoriali del nostro Paese, per risanare il tessuto produttivo dell’artigianato e delle piccole aziende, migliorandone la capacità competitiva, consentendoci così di uscire dalla crisi. Confartigianato è chiamata con maggior insistenza a portare all’attenzione la struttura produttiva reale e i suoi protagonisti: mi riferisco alle micro e piccole imprese. Aiutare loro, consentirà di uscire dalla crisi. La difficile situazione economica pone al centro dell’attenzione le imprese e il loro ruolo economico e sociale».