OSPITALETTO – Parte l’iter per approvare il Pgt in una nuova versione

0

Con la delibera di Giunta n. 46 del 21 febbraio 2013, il Comune di Ospitaletto ha avviato ufficialmente il procedimento che porterà alla redazione e all’adozione del Piano di Governo del Territorio (P.G.T.), assoggettandolo alla valutazione ambientale strategica (VAS).

images“L’amministrazione precedente non era stata in grado di concludere il PGT – dopo che l’iter ebbe inizio nel 2009 – il piano non venne mai approvato definitivamente e nei tempi stabiliti per legge, perciò è decaduto in toto. Abbiamo intenzione di adottare in tempi brevi l’importante strumento urbanistico, in linea con il nostro programma di mandato. Immagiamo un PGT a misura di uomo e di cittadino, che cerchi di coniugare gli aspetti di vivibilità e di qualità ambientale. Escludiamo un ulteriore consumo di suolo agricolo, puntando ad uno sviluppo sostenibile che contenga l’espansione demografica. Sono linee guida già presenti nel nostro programma di governo e vogliamo ricominciare con il piede giusto e recuperare rapidamente il tempo perso a causa del lungo commissariamento.”

Questi i principi cui la Giunta guidata da Giovanni Battista Sarnico ha deciso di attenersi. L’importante e fondamentale strumento urbanistico parte all’insegna della più ampia partecipazione e nel rispetto della sostenibilità ambientale, evitando ulteriore cementificazione. Sarà, infatti, un procedimento partecipato: si potranno presentare suggerimenti e proposte attraverso istanze redatte in triplice copia in carta semplice e presentate all’Ufficio Protocollo, presso la sede municipale in via Rizzi n. 24 entro le ore 12,00 del giorno 29 marzo 2013.

“Abbiamo ritenuto come unica strada percorribile quella di ricominciare da capo, all’insegna dell’assoluta trasparenza e della più larga partecipazione democratica dei cittadini. Con un punto fermo: il nuovo PGT dovrà puntare sul recupero dell’esistente, sulla riconversione di aree degradate e la valorizzazione di spazi comuni e pubblici a servizio dei cittadini, limitando al massimo l’ulteriore cementificazione”, conclude il Sindaco Giovanni Battista Sarnico.