DESENZANO – Crisi, la Caritas distribuisce il pane ai “nuovi” poveri

0

Crisi economica, incremento della disoccupazione, cassa integrazione, continui ritocchi all’insù delle tasse, inflazione: sono tutti fattori che hanno determinato una crescita prepotente dei ‘nuovi poveri’, numerosi anche in una Provincia ‘ricca’ come quella di Brescia.

La situazione, che si fa di giorno in giorno sempre più drammatica, non ha risparmiato nemmeno le famiglie della capitale del Garda, dove si è registrata una progressiva crescita delle persone che hanno avvertito l’esigenza di rivolgersi, per chiedere aiuto, alle associazioni caritative ed assistenziali. Il centro interparrocchiale della Caritas di Rivoltella, per esempio, ha registrato un aumento nell’ afflusso di ben 80 nuovi nuclei familiari.

Desenzano caritas
L’ultima iniziativa della Caritas di Desenzano ha per oggetto la distribuzione del pane

Ogni mese la Caritas di Rivoltella distribuisce circa 30 quintali di generi alimentari di prima necessità e l’ultima iniziativa riguarda proprio la distribuzione del pane. Come ha spiegato il responsabile del centro Rolando Menghini, sino ad ora sono state censite 681 persone, in gran parte stranieri extracomunitari, ma recentemente sta crescendo anche il numero degli italiani. Un nuovo trend, dunque, inevitabile riflesso della disastrosa situazione economica in cui versa l’Italia.

Per ogni persona che si rivolge alla Caritas viene redatta un’apposita scheda, vengono raccolti dati sul reddito ed effettuati controlli. Requisito necessario per ricevere assistenza è la residenza a Desenzano del Garda, oltre ad un reddito inferiore al minimo necessario per garantirsi il sostentamento. I richiedenti vengono dotati di un apposito tesserino, sempreché vengano soddisfatti i due requisiti summenzionati, e una volta al mese possono ritirare i generi alimentari di prima necessità forniti da Banco alimentare, Colletta alimentare e Agea.

L’ultima iniziativa ha ad oggetto la distribuzione del pane, che viene recuperato da un grande supermercato lonatese attraverso una ditta bresciana. La distribuzione avviene il venerdì pomeriggio dalle 15 alle 17, mentre gli altri generi alimentari possono essere ritirati il martedì dalle 9 alle 11 e il venerdì dalle 15 alle 17.

Attualmente sono quasi 700 le persone che il centro assiste e a svolgere l’attività sono numerosi volontari. Come ha ricordato di recente il sindaco Rosa Leso, il ceto medio si trova in una situazione di grande sofferenza.