BRESCIA – Sicurezza sul lavoro anche per i terzi

0

In materia di sicurezza sul lavoro, la Corte di Cassazione ha chiarito che la responsabilità per l’infortunio del lavoratore e dei terzi, avvenuto nel cantiere, ricade sul datore di lavoro che ha l’obbligo di mettere in atto misure adeguate per la salvaguardia di lavoratori e pedoni.

Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 6363 dell’8 febbraio 2013, ha precisato che la circolazione dei pedoni e dei veicoli nei posti di lavoro, nelle vie di circolazione e nei luoghi o impianti all’aperto occupati dai lavoratori durante le loro attività, deve avvenire in modo sicuro, mediante l’attuazione, da parte dell’imprenditore, delle norme antinfortunistiche necessarie a tutelare l’integrità fisica anche di soggetti terzi che, per un qualsiasi legittimo motivo, accedono nei luoghi di lavoro.