PADENGHE – Dal Garda al Pirellone a Montecitorio

0

Il passo è lungo, ma in molti ci provano. Chi andrà a votare il prossimo 24 febbraio vedrà infatti candidati tre volti noti di Padenghe, due alle politiche ed uno alle regionali.

Iscritta nelle liste del PD per un posto nella Camera dei deputati c’è il sindaco di Padenghe Patrizia Avanzini. “La mia candidatura alla Camera è stato un atto di disponibilità verso il partito– ha detto –, una candidatura di testimonianza senza effetti pratici. Non si pone, pertanto, il problema del doppio incarico che ho comunque escluso nel momento in cui ho rinunciato alla candidatura in Regione. In effetti, una delle motivazioni è proprio quella di non dover abbandonare il mio ruolo di sindaco sia per rispetto dei cittadini, sia per le evidenti difficoltà a conciliare i due ruoli”.

In lista per una poltrona al Senato, invece,  tra le fila del PDL, spunta il nome di Fabio Beretta, ex sindaco del Comune di Padenghe.

Infine, se a candidarsi al Parlamento sono due primi cittadini, a proporsi per un posto in Regione è Marco Turra, ventenne del M5S. “Mi rendo conto di essere un ragazzo giovane – ha detto – ma proprio per questa mia caratteristica sono libero da preconcetti di sinistra e destra. Voglio partecipare al cambiamento che il Movimento 5 Stelle sta facendo, mi sentirei un irresponsabile se non facessi niente”.