TOSCOLANO – Nuovo vincolo per ‘Borgo+39’

0

Gli ex Cantieri del Garda, cioè l’area di lottizzazione ‘Borgo+39’, sono ora sottoposti ad un vincolo: il sindaco di Toscolano Maderno Roberto Righettini ha visto infatti la Soprintendenza confermare le linee tracciate dalla sua Amministrazione.

Il nuovo vincolo divide l’area in due zone: quella dell’ex cantiere posto tra via Religione e via Marconi, che dovrà sottostare  a dichiarazione di interesse storico ed artistico, mentre su altra zona è posto un provvedimento di tutela indiretta.

Il soprintendente Andrea Alberti nella sua relazione ha spiegato che la nuova proposta mira a determinare un’azione concordata, pur salvaguardando la corretta riqualificazione dell’area in oggetto.

Sull’ampia area che la Soprintendenza intende tutelare esiste anche una zona libera da edificazioni, che è stata scorporata dalla precedente dichiarazione di interesse culturale rimanendo così subordinata alle procedure previste per la tutela paesistica. In questa zona, ha precisato Alberti, si potrà intervenire seguendo l’iter di un normale piano esecutivo.

La Soprintendenza, dunque, la un lato ha liberato il Comune ed i proprietari dell’area ‘Borgo+39’ da vincoli precedenti assai restrittivi, dall’altro ha ridotto i volumi residenziali dimezzandoli (dai 200 appartamenti del progetto originale si è passati a 100). Una decisione coraggiosa ma opportuna, sia perché a Toscolano molti sono gli immobili invenduti, sia perché così facendo viene ridotto l’impatto ambientale.

Il Comune dal suo canto otterrà certe opere pubbliche e 3,8 milioni di euro che, come ha spiegato il sindaco Righettini, potranno servire per l’acquisto di Villa Bulgheroni.