LIVIGNO – Nuovi percorsi di sci in alta quota, anche in bicicletta

0

Update 17-3 h 23,06 Boarder Banzai. Il nome è tutto un programma… televisivo e ricorda alcuni impavidi giapponesi alle prese con prove improbabili e un po’ demenziali. Non si sarà a quei livelli, ma il nuovo percorso creato di recente all’interno della ski area Carosello 3000 sembra proporre un modello di divertimento molto simile. Cunette, porte in stile saloon, materassoni, campane da suonare e molti altri ostacoli vanno a formare un tracciato lungo più di un chilometro e posizionato sulle paraboliche del boarder-cross, già vincitore del primo premio italiano nell’ultima edizione di Nissan Skipass.

Livigno normal“L’idea è stata quella di associare un ormai classico percorso a curve con delle prove speciali, cercando di ottenere come risultato finale un tracciato comunque alla portata di tutti, molto avventuroso e totalmente privo di rischi anche per i più piccoli. Il fatto che sin dal primo giorno d’apertura, il percorso è stato subito preso d’assalto dai bambini ma anche dagli adulti ci riempie di soddisfazione. Vuol dire che siamo riusciti a trasformare un’idea disegnata sulla carta in qualcosa di veramente apprezzato da parte di tutta la clientela”.

A parlare è Gabriele della Fonte, uno dei precursori della creazione di aree freestyle in Italia e oggi responsabile del LivignoPark di Carosello 3000. Che si voglia percorrerlo con la famiglia tra divertimento e risate, oppure buttarsi a capofitto lanciando alle vette il famoso urlo di guerra giapponese, il Banzai aspetta a lato della pista Polvere proprio sotto il ristoro del Carosello 3000. Questo particolare boarder non è però l’unico percorso-sci innovativo introdotto quest’anno nel Piccolo Tibet delle Alpi. Sempre all’interno della ski-area Carosello 3000, gli amanti dello snowboard e del freestyle possono trovare un’alternativa nel Woodpark. Un percorso eco-friendly nascosto all’interno del bosco dove potersi divertire al di fuori delle piste e dei salti spesso impegnativi dei più grandi snowpark.

 

GUARDA UN VIDEO SU LIVIGNO

 

Una serie di strutture costruite utilizzando esclusivamente il legno e la neve. Il tutto immerso tra i larici e collegato da sentieri e passaggi nascosti. “Gli sciatori di oggi sono alla ricerca di nuove emozioni e nuovi modi di vivere questo sport – dice il responsabile comunicazione della ski-area Camillo Bertolini.- La creazione di questi percorsi va nella direzione di un arricchimento dell’offerta turistica, cercando di creare situazioni di divertimento parallele allo sci. Seguendo questa linea, a livello di località abbiamo in corso davvero molte iniziative, non ultima quella di far suonare delle band musicali emergenti a quasi 3000 metri di quota, che sta suscitando un grande apprezzamento. Oppure la bellissima esperienza di eliski-freeride e voli panoramici sopra Livigno organizzata dalle guide alpine con il supporto di tutti gli operatori”.

IN BICICLETTA SULLA NEVE