CASTEL MELLA – Il Comune in un progetto per l’energia sostenibile

0

Il Comune di Castel Mella scende in campo a favore dell’energia sostenibile. Infatti l’Amministrazione ha deciso di impegnarsi in modo concreto ed efficace per la diffusione di questo nuovo tipo di energia e per la diminuzione delle emissioni di CO2 nell’aria.

castel mellaIl Comune ha aderito ad un’iniziativa del Patto Europeo dei Sindaci, partecipando ad un Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) che raggruppa Poncarale, capofila del progetto, Azzano Mella, Capriano del Colle e Castel Mella a sostegno di politiche nel campo dell’energia sostenibile.  L’adesione al progetto è il primo passo per realizzare quanto stabilito dal documento “Energia per un mondo che cambia” approvato dall’Unione Europea, un accordo che  si prefigge di ridurre le emissioni di CO2 entro il 2020, aumentando del 20% il livello di efficienza energetica e del 20% la quota di utilizzo di energie alternative: “La salute dell’ambiente – ha illustrato il sindaco Marco Franzini – è sempre più in pericolo.

Una minaccia che incombe solo sul territorio e sul presente, ma anche su di noi che ci troviamo a vivere sempre più in contatto con emissioni nocive e, soprattutto, sulle generazioni future, che dovranno fare i conti con le problematiche che stanno prendendo corpo proprio in questi anni a causa di una presenza sempre più diffusa di CO2 nell’aria che tutti noi respiriamo. Osservazioni che sono facilmente sotto gli occhi di tutti e che fanno capire che non è più possibile limitarsi a parlare del problema. Bisogna agire e lo si deve fare nel modo più concreto e deciso possibile. E’ per questo che il nostro Comune ha scelto di aderire al patto dei sindaci e lo ha voluto aderendo ad un progetto comune con i vicini paesi di Poncarale, Azzano Mella e Capriano, con i quali metteremo in comune i programmi e le idee che caratterizzano questa iniziativa, dando vita ad una partnership che, ne sono sicuro, potrà raggiungere risultati molto positivi”.

Proprio questa convinzione ha spinto Castel Mella ad essere uno dei primi Comuni della provincia di Brescia ad aderire a questo programma che ha preso il via a livello internazionale ed ha già coinvolto numerose città straniere. Proprio a Bruxelles sono stati presentati i primi Paes (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile) e sono state fissate le tappe di un cammino che dovrà essere estremamente concreto: “Possiamo sintetizzare il tutto – raccontano ad una sola voce il sindaco Marco Franzini e l’assessore all’ambiente Alessandro Prudenzi – dicendo che l’obiettivo di fondo è quello di ridurre entro il 2020 le emissioni di CO2 nell’ambiente del 20% rispetto ai valori del 2006, l’anno che è stato preso come punto di riferimento. Per raggiungere concretamente un simile risultato i Comuni aderenti sono stati invitati a presentare il Paes, il documento nel quale sono contenute tutte le azioni che un Comune può mettere in atto per ridurre concretamente le emissioni nocive nell’atmosfera. Azioni che possono andare da un minor consumo energetico all’utilizzo sempre più convinto e diffuso di fonti di energia rinnovabile e pulita, come possono essere, ad esempio, sistemi come il fotovoltaico e l’idroelettrico.

Il tutto per un cammino che si prefigge di raggiungere per gradi l’obiettivo di diminuire in maniera sensibile le emissioni nocive nell’ambiente nel quale tutti noi ci troviamo ogni giorno a respirare. In questo senso, accanto ad un costante monitoraggio della situazione e dei dati relativi alla questione, rivestiranno particolare importanza le iniziative e gli accorgimenti che le singole Amministrazioni Comunali, sempre più al centro dell’attenzione in campo energetico, metteranno concretamente in atto per diminuire le emissioni di CO2 e salvaguardare l’ambiente e la sua salute”. Proprio la consapevolezza dell’importanza di queste azioni ha spinto il Comune di Castel Mella a dar vita ad un  accordo  le realtà vicine di Poncarale, Azzano e Capriano, trovando in questa sfida tanto importante per il futuro dell’aria un alleato di grande prestigio: “Tutta l’attività che dalla predisposizione del Paes andrà fino alla messa in pratica delle azioni previste in questi stessi documenti, per non parlare dell’impegno costante volto a monitorare il graduale avanzamento del programma, riceverà un sostegno tangibile e quanto mai ricco di significato da una realtà di prestigio come la Fondazione Cariplo che ha deciso di promuovere la sostenibilità energetica nei Comuni che hanno deciso di aderire al “patto dei sindaci” mettendo a loro disposizione un contributo che in tempi di generali ristrettezze economiche come quelli che stiamo attraversando rappresenta senza dubbio una risorsa preziosa per portare avanti il progetto previsto.

Stando così le cose – terminano il sindaco Franzini e l’assessore Prudenzi – possiamo proprio dire che ci sono tutti i presupposti che occorrono per riuscire a raggiungere un obiettivo ambizioso come quello che ci siamo prefissati, realizzando uno scopo che ci sta particolarmente a cuore come quello di proteggere il nostro ambiente, diminuendo sempre più le emissioni nocive e cercando di salvaguardare la salute dell’aria che dovranno respirare le generazioni future. In questo senso stiamo studiando tutte le iniziative che ci possono garantire un graduale risparmio energetico, diminuendo al tempo stesso sprechi e dispersioni, mentre d’altra parte siamo pronti ad incamminarci con la convinzione necessaria nella direzione di un crescente utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili e pulite. E’ questa la strada che ci può aprire le porte di un’energia finalmente sostenibile!”.