GUSSAGO – Curioso ritrovamento: scoperto un Geco del Mediterraneo

0

La fotografia mostra un esemplare di geco rinvenuto a Gussago presso l’isola ecologica.
L’animale è stato subito analizzato da Angelo Gnocchi, che ne ha fatto una classificazione.

Il Geco comune, “Tarentola mauritanica Linnaeus”, è un piccolo sauro della famiglia Gekkonidae, Gechi, diffuso in gran parte dei Paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo.

È diffuso in quasi tutti i paesi del bacino mediterraneo: Portogallo, Spagna, Francia, Italia, Serbia, Montenegro, Croazia, Grecia, Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto.

Foto tratta da "Gussago News"
Foto tratta da Gussago News

In Italia è diffuso lungo tutte le aree costiere, compreso l’arco adriatico del golfo di Venezia, spingendosi all’interno soprattutto nel versante tirrenico. È segnalato anche nelle aree costiere dei grandi laghi del nord e nella fascia subalpina.

Il suo ambiente preferito è presso oliveti, pinete costiere, muretti a secco, ruderi, vecchi edifici.
Non si capisce come possa essere stato ritrovato a Gussago, nel nostro ambiente e clima, sono ignote le motivazioni della sua presenza qui.
Le abitudini della “Tarentola mauritanica” sono notturne o crepuscolari, può diventare attivo anche di giorno nelle soleggiate giornate invernali.
Territoriale, può essere facilmente osservato mentre caccia insetti notturni nei muri degli edifici urbani vicino alle fonti di luce.
Un esemplare adulto è in grado di mangiare fino a 2000 zanzare in una notte.
Depone due uova quasi sferiche di circa 1 centimetro di diametro due volte all’anno intorno ad aprile e a giugno. Le nascite avvengono dopo quattro mesi.
La Tarentola mauritanica raggiunge la maturità sessuale in un periodo di tempo lungo se paragonato ad altri rettili, tra i 4 e 5 anni.
Gli adulti vanno in amore in primavera e di solito gli accoppiamenti sono preceduti da violente liti tra maschi rivali. Le femmine sono ovipare e depongono le uova sotto le cortecce o dentro le spaccature dei muri.

Se non viene disturbato è totalmente innocuo riesce a vivere nelle case, ma comunque resta un animale selvatico.