BRESCIA – L'Italia di futsal cede al Portogallo, non era mai successo

0

All’Italia non riesce l’accoppiata vincente: dopo il 2-1 di ieri a Treviglio, la nazionale azzurra perde 4-2 il secondo test con il Portogallo, giocato davanti agli oltre 2 mila del Pala San Filippo di Brescia. I lusitani di Jorge Braz, al 17esimo tentativo, riescono a battere per la prima volta la squadra di Roberto Menichelli, che paga l’approccio sbagliato sia nel primo tempo (due gol subiti nei primi 121 secondi), sia nella ripresa, con il gol dell’1-3 di Cardinal arrivato dopo 20 secondi della ripresa. Inutili, per gli azzurri, i gol di Humberto Honorio e Luca Leggiero.

Menichelli, rispetto a gara-1, deve rinunciare all’influenzato Giasson, che si aggiunge all’infortunato Milucci. Fuori anche De Luca e Mentasti, dentro Urio, Delpizzo e Fragassi. Quintetto iniziale con Barigelli, Ercolessi, Lima, Fortino e Saad; il Portogallo risponde con Joao Benedito, Leitao, Joel Queiros, Gonçalo e Ricardinho. Dopo gli inni nazionali suonati dalla Fanfara degli Alpini, pronti via e i lusitani sono già in vantaggio: Ricardinho sfrutta un assist di Leitao e con un tocco sotto batte Barigelli. Per l’Italia neanche il tempo di riorganizzarsi, che arriva il raddoppio, firmato ancora da Ricardinho, che riprende una respinta di Barigelli sulla conclusione di Leitao. La reazione degli azzurri, però, è veemente, e porta all’immediato 1-2 firmato da Honorio che, servito da Delpizzo, calcia potente e preciso alla destra di Joao Benedito.

Le squadre al San Filippo - Foto Cassella
Le squadre al San Filippo – Foto Cassella

L’Italia, sostenuta dal pubblico del Pala San Filippo, entra in partita e prima con Urio e Fortino, poi con Ercolessi e Lima, costruisce due doppie occasioni che però non sortiscono gli effetti sperati. Oltre all’imprecisione, ci si mette anche la sfortuna, che nega a Leggiero il gol del 2-2: il laterale del Pescara colpisce la traversa a Joao Benedito battuto. C’è solo l’Italia in campo: al 17’ 8’’ altra grande chance costruita da Cavinato, che salta due uomini e si presenta solo davanti a Joao Benedito. Sul pallone si avventa Lima che sembra dare il tocco decisivo, ma ci si mette la respinta miracolosa di Joao Matos. Prima dell’intervallo, il Portogallo pareggia il conto dei pali con Cardinal che colpisce il montante alla destra di Barigelli complice anche la deviazione del numero uno della Lazio. La ripresa, purtroppo per l’Italia, inizia come i primi 20’, anzi, peggio: sul cronometro passano solo 20 secondi e Cardinal sfrutta l’imbucata di Ricardinho per riportare il Portogallo a +2 e bissare il gol segnato ieri al PalaFacchetti.

Gli azzurri reagiscono, ma André Santos, in campo al posto di Joao Benedito, oltre che uscire spesso dalla porta è bravo anche a respingere i tentativi avversari. Il numero 12 lusitano, però, viene ingannato al 6’ 41’’ dalla deviazione di un compagno di squadra, sul sinistro di Leggiero che si infila e regala una speranza all’Italia. Che a quel punto si getta in avanti e sfiora il pareggio, ma André Sousa è un muro invalicabile. A infliggere all’Italia il colpo del ko è però ancora Cardinal, che stavolta fa tutto da solo, elude anche l’intervento di Barigelli e fa 4-2. Negli ultimi 3’ Menichelli inserisce Lima portiere di movimento, così come accadde nella mattinata (italiana) di Bangkok, ma stavolta non va come in Thailandia. Al suono della sirena, applausi per tutti, con l’Italia che per la prima volta nella storia della nazionale di futsal cede al Portogallo. Verrebbe da dire, meglio in amichevole che in un quarto di finale di un Europeo o di un Mondiale.

Tabellino

Italia-Portogallo 2-4 (1-2 p.t.)

Italia: Barigelli, Ercolessi, Lima, Fortino, Saad; Romano, Leggiero, Honorio, Merlim, Cavinato, Urio, Delpizzo, Fragassi, Mammarella. Ct. Menichelli.

Portogallo: Joao Benedito, Leitao, Joel Queiros, Gonçalo, Ricardinho; Paulinho, Pedro Cary, Arnaldo, Cardinal, Ricardo Fernandes, Joao Matos, Marinho, Fabinho, André Sousa. Ct. Braz.

Arbitri: Fernando Gutierrez Lumbreras (Spagna), Karel Henych (Repubblica Ceca), Fabio Gelonese (Italia). CRONO: Giuseppe Parente (Italia)

Marcatori: 0′ 28” e 2′ 01” Ricardinho (P), 2′ 31” Honorio (I) del p.t., 0′ 20” Cardinal (P), 6′ 41” Leggiero (I), 12′ 23” Cardinal (P) del s.t.

Ammoniti: Joel Queiros (P), Merlim (I), Honorio (I)

Note: spettatori 2000 circa.